EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sclerosi Multipla e CCSVI: intervista al radiologo interventista Marco Magnano

visit  Sull’ancora controverso tema della correlazione tra l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI), scoperta dal prof. Zamboni dell’Università di Ferrara nel 2007, e la sclerosi multipla (SM), MEDITERRANEWS ha intervistato in pillole il dottor Marco Magnano, radiologo vascolare e interventista di Catania.

1) Dottore, nella sue esperienza diagnostica della CCSVI, in quale percentuale di malati di sclerosi multipla lei finora ha trovato la CCSVI?

Secondo i criteri di Zamboni la rispondenza flebografica è intorno al 60% ma devo ricordare che attualmente non ci sono criteri diagnostici flebografici riconosciuti.”

2) A suo avviso si tratta di un esame molto complesso? Richiede un’esperienza specifica?

La diagnostica doppler ben fatta secondo la tecnica di Zamboni è piuttosto complessa ed esistono numerose incertezze diagnostiche.

La diagnostica flebografica è piuttosto facile, ovviamente occorre la manualità e l’attrezzatura per il cateterismo venoso.”

3) Per quanto riguarda coloro che si sono poi si sono autonomamente sottoposti all’intervento di angioplastica (PTA) nei controlli post-intervento quale percentuale di successo ha osservato?

Tecnico immediato al controllo flebografico piuttosto alto, certamente intorno al 90%.

Sul controllo a distanza ecocolor doppler il successo si attesta sul 50%.”

4) Relativamente ai sintomi della sclerosi multipla che cosa ci può dire? Ci sono stati dei miglioramenti dopo l’intervento?

Quasi tutti i pazienti hanno riferito qualche miglioramento a breve distanza o immediato.”

5) Il team del prof. Zamboni in una pubblicazione dell’anno scorso (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23761870 ) ha ipotizzato tra le possibili cause di ostruzione venosa una compressione del muscolo omoioideo. A Catania alcuni suoi colleghi hanno iniziato a fare interventi chirurgici su questo muscolo. Cosa ne pensa in merito?

Non so cosa dire perché non ho esperienza.”

6) Pensa in qualche modo di poter pubblicare i suoi dati, magari su qualche rivista italiana o straniera?

Ho i dati raccolti in maniera razionale e molti follow up ma per il momento preferisco stare ad aspettare nuovi sviluppi, specie nelle ricerche di Arata.”

7) Molti neurologi continuano a negare la stessa esistenza della CCSVI scoperta dal prof. Zamboni e considerano inutile se non pericoloso l’intervento di angioplastica, per cercare di disostruire le vene. Cosa vorrebbe dire a questi colleghi così scettici?

L’intervento non è pericoloso se fatto bene e con attenzione. Sull’inutilità si può discutere. Pare che sia stata accertata l’inutilità della terapia con interferone nella riduzione della comparsa di disabilità. Eppure si fa. La malattia non è ancora per nulla conosciuta nella sua interezza e vale la pena esplorare altri confini.”

About the author

Alessandro Rasman, 49 anni, triestino. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico-economico presso l'Università di Trieste; è malato di sclerosi multipla, patologia gravemente invalidante, dal 2002. Per Mediterranews cura una speciale rubrica sulla sclerosi multipla.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com