EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sclerosi Multipla e CCSVI: intervista al radiologo interventista Matteo Salcuni

ms  Sull’ancora controverso tema della correlazione tra l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI), scoperta dal prof. Zamboni dell’Università di Ferrara nel 2007, e la sclerosi multipla (SM), MEDITERRANEWS ha intervistato in pillole il dottor Matteo Salcuni, radiologo vascolare e interventista con prolungata esperienza nel trattamento delle patologie dell’aorta e dei vasi sanguigni periferici.

1) Dottore, nella sue esperienza diagnostica della CCSVI, in quale percentuale di malati di sclerosi multipla lei finora ha trovato la CCSVI?

“Nei pazienti da me sottoposti a flebografia diagnostica a livello delle vene giugulari interne  e della vena Azygos nel 100% di essi ho riscontrato un alterato deflusso a livello di almeno una vena giugulare interna; le cause di questa alterazioni sono diverse. Più frequentemente si tratta di un cattivo funzionamento della valvola situata tra vena giugulare interna e tronco venoso anonimo.”

2) A suo avviso si tratta di un esame molto complesso? Richiede un’esperienza specifica?

“L’esame flebografico delle vene giugulari interne e della vena Azygos in mani esperte è un esame semplice e a bassa percentuale di complicanze; la PTA delle vene giugulari interne e della vena Azygos richiede un pò più di esperienza ma se l’operatore non è molto aggressivo anch’essa è a basso rischio.”

3) Per quanto riguarda coloro che si sono poi si sono autonomamente sottoposti all’intervento di angioplastica (PTA) nei controlli post-intervento quale percentuale di successo ha osservato?

“Nei pazienti da me trattati di PTA delle vene giugulari interne e della vena Azygos il successo tecnico è stato del 100%.”

4) Relativamente ai sintomi della sclerosi multipla che cosa ci può dire? Ci sono stati dei miglioramenti dopo l’intervento?

“Nel 76% dei pazienti da me trattati c’è stato un miglioramento riguardo alla sintomatologia riferita; soprattutto risultano migliorati i sintomi quali: facile stancabilità, formicolii alle estremità, controllo degli sfinteri e più energia in senso generale.”

5) Il team del prof. Zamboni in una pubblicazione dell’anno scorso (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23761870 ) ha ipotizzato tra le possibili cause di ostruzione venosa una compressione del muscolo omoioideo. A Catania alcuni suoi colleghi hanno iniziato a fare interventi chirurgici su questo muscolo. Cosa ne pensa in merito?

“La compressione delle vene del collo da parte del muscolo omoioideo è descritta in letteratura ma l’incidenza è bassa; mi è sembrato un pò alta quella riscontrata dai colleghi siciliani ma se ben documentata non metto lingua.”

6) Pensa in qualche modo di poter pubblicare i suoi dati, magari su qualche rivista italiana o straniera?

“No, fin quando non troverò un collaboratore che mi aiuti. La mia attività non mi lascia scampo.”

7) Molti neurologi continuano a negare la stessa esistenza della CCSVI scoperta dal prof. Zamboni e considerano inutile se non pericoloso l’intervento di angioplastica, per cercare di disostruire le vene. Cosa vorrebbe dire a questi colleghi così scettici?

“Di assistere a qualche intervento di PTA delle vene giugulari e poi di sedersi intorno ad un tavolo e parlarne con onestà intellettuale e dati scientifici alla mano con coloro che la pensano diversamente”

About the author

Alessandro Rasman, 49 anni, triestino. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico-economico presso l'Università di Trieste; è malato di sclerosi multipla, patologia gravemente invalidante, dal 2002. Per Mediterranews cura una speciale rubrica sulla sclerosi multipla.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com