Rubriche

Gli aumenti di gas e luce devono essere preannunciati all’utente, fornendo informazioni sul quanto e sul perché

download (6)Sentenza shock della Corte di Giustizia Europea in favore dei consumatoriLe direttive comunitarie impongono un alto livello di tutela sulla trasparenza delle condizioni generali di contratto: l’utente deve poter recedere o comunque contestare la revisione della tariffa

Duro stop da parte della Corte di Giustizia Europea agli aumenti di luce e gas a sorpresa con una sentenza che farà certamente discutere ma che esprime, per Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, alcuni principi sacrosanti prima d’ora poco o mai rispettati dagli stati ossequiosi al volere della lobby delle compagnie energetiche. Infatti, per i giudici con sede in Lussemburgo, la società fornitrice, è obbligata a preannunciare all’utente l’incremento delle tariffe, fornendo anche la motivazione.

E il consumatore ha diritto a essere posto in condizioni di recedere dal contratto di utenza o comunque di contestare la revisione.La fattispecie si riferisce a controversie che nascono in Germania, ma la sentenza nelle cause riunite C-359/11 e C-400/11, pronunciata il 23 ottobre avrà effetti in tutta l’area UE e obbligherà le imprese ad uniformarsi.I giudici ddlla quarta sezione chiamati a dirimere una controversia pendente innanzi alla Corte federale tedesca tra clienti e fornitori su aumenti scattati tra il 2005 e il 2008 hanno rilevato che gli utenti rientrano nell’obbligo generale di approvvigionamento e sono soggetti a una tariffa standard. Ritengono dunque gli aumenti fatturati dalla compagnia «eccessivi e basati su clausole illegali».E in effetti le direttive comunitarie “energia elettrica” 2003/54 e “gas” 2003/55 non ammettono una normativa nazionale come quella tedesca che determina il contenuto dei contratti di fornitura dell’energia elettrica e del gas e consente ai fornitori di modificare la tariffa, senza però garantire che i consumatori siano informati in tempo utile dei motivi, delle condizioni e della portata del rincaro.I principi comunitari, rilevano i giudici europei, «obbligano gli Stati membri a garantire un elevato livello di tutela dei consumatori riguardo alla trasparenza delle condizioni generali di contratto». Oltre al diritto di recedere dal contratto, previsto dalle direttive in caso di revisione di prezzo, i clienti devono anche avere il diritto di contestare la modifica della tariffa applicata alla fornitura.

Lecce, 24 ottobre 2014                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button
Close