Salute

Studio shock: Cancro ai polmoni può rimanere sopito e nascosto per più di 20 anni

ospedale, medicinaIl cancro ai polmoni, può rimanere dormiente per più di 20 anni prima di portare, quasi inevitabilmente, alla morte, così aiutando a spiegare perché una patologia che uccide più di 1,5 milioni di persone all’anno in tutto il mondo è così persistente e difficile da trattare, secondo quanto affermato da scienziati britannici giovedì scorso su un articolo riguardante la ricerca in questione apparso sull’autorevole rivista Science e che per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,, apre nuove speranze per la diagnosi e la cura di questa devastante patologia.Due documenti che dettagliano l’evoluzione del cancro polmonare rivelano come dopo una sorta di iniziale errore genetico della malattia — spesso causata dal fumo — le cellule tumorali sviluppano tranquillamente numerose nuove mutazioni, rendendo uniche geneticamente differenti le parti del tumore stesso.

Quando purtroppo ai pazienti viene diagnosticati questo tipo di cancro, si saranno sviluppate in loro già molteplici vie evolutive del tumore, rendendo estremamente difficile che qualsiasi medicina mirata possa avere un effetto. I risultati dimostrano il pressante bisogno di rilevare il cancro ai polmoni prima che esso si sia tramutato in molteplici cloni maligni. “Ciò che non siamo in grado di capire prima, è perché questo è davvero l’imperatore di tutti i tumori ed una delle malattie più difficili da trattare,” ha detto Charles Swanton, un autore su uno dei giornali del Cancer Research UK London Research Institute. “In precedenza, non sapevamo l’origine della eterogeneità di questi cancri del polmone nella prima fase.” Il cancro ai polmoni è il tumore più mortale del mondo, che uccide circa 4.300 persone al giorno, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Circa l’85% dei pazienti hanno sviluppato il cancro al polmone non a piccole cellule (NSCLC), il tipo analizzato in due studi. Per ottenere una più chiara comprensione della malattia, i due gruppi di scienziati britannici e americani, hanno osservato la variabilità genetica nelle regioni differenti di tumori polmonari rimossi durante la chirurgia ed esaminato come avevano sviluppato nel tempo i difetti genetici.Ed hanno scoperto che c’era un periodo di estremamente lunga latenza tra mutazioni precoci ed i sintomi clinici, che sono apparsi dopo che nuovi, ulteriori guasti innescavano la crescita rapida della malattia. Nel caso di alcuni ex-fumatori, i difetti genetici iniziali che hanno determinato l’avvio del loro cancro risalivano al tempo quando fumavano sigarette due decenni prima. Ma questi difetti sono diventati meno importanti nel tempo e le mutazioni più recenti sono state causate da un nuovo processo controllato da una proteina chiamata APOBEC. Ramaswamy Govindan della Washington University School of Medicine, che non è stato coinvolto negli studi, ha detto che la migliore comprensione di tali alterazioni genetiche è stata fondamentale per lo sviluppo di trattamenti più efficaci. Ci sono anche speranze per una nuova generazione di farmaci di immunoterapia che aumenteranno la capacità del sistema immunitario di rilevare e combattere i tumori, che potrebbero essere particolarmente applicabili al cancro polmonare. “Il gran numero di mutazioni può essere il tallone d’Achille del tumore, perché ogni volta che vi é una nuova mutazione di forme c’è una possibilità per il sistema immunitario di riconoscerlo,”ha detto all’agenzia Reuters il dottor Swanton. Farmaci per immunoterapia da parte di aziende come Bristol-Myers Squibb, Merck & Co., Roche e AstraZeneca sono già in fase di test nel cancro del polmone. Oltre a medicinali più efficaci, una sfida fondamentale che si apre all’orizzonte della ricerca, è di trovare il modo migliore per rilevare il cancro del polmone prima che sviluppi i difetti genetici multipli che alla fine scatenano la diffusione e la crescita tumorale rapida. Attualmente, i medici usano la tomografia automatizzata (CT) per rilevare il cancro ai polmoni, ma per il momento un nodulo che è grande abbastanza per essere notato su una scansione può contenere 1 miliardo di cellule tumorali geneticamente diverse. Per il futuro, gli oncologi ripongono le speranze su un nuovo approccio, noto come biopsia liquida, che può essere in grado di rilevare segni di cancro molto prima dal DNA circolante nel sangue. La prognosi attuale per il NSCLC è tragica, con la maggior parte dei pazienti a cui viene diagnosticato quando la malattia è già diffusa e solo circa il 15% sopravvive per almeno cinque anni dopo la diagnosi.

Lecce, 11 ottobre 2014                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close