EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

A Natale gli italiani scelgono cheap

 NataleNel 2014 l’Italia e’ peggiorata per la maggioranza degli italiani (il 54%) ma la speranza e’ piu’ forte delle difficolta’. E’ questo l’atteggiamento con il quale gli italiani si avvicinano alle festivita’ di fine anno, durante le quali il pensiero restera’ rivolto ai problemi piu’ gravi – disoccupazione e fisco – ma la tendenza sara’ di spendere qualcosa in piu’ per rendere il Natale una festa in piena regola. Le famiglie acquisteranno doni per 7 miliardi di euro. Le tredicesime ammonteranno quest’anno a 42 miliardi (in media 8 euro in piu’ a lavoratore) e alimenteranno spese per 22 miliardi, ma il resto servira’ per pagare le imposte (per complessivi 11 miliardi a dicembre fra Tasi, Imu e addizionali). E’ quanto emerge dal consueto sondaggio Confesercenti SWG sul Natale degli italiani.

Natale fra speranza e un anno difficile alle spalle la prosecuzione della crisi e le “tasse natalizie” dunque spingono a rendere prudenti le feste degli italiani, che pero’ non smettono di aver fiducia nel futuro: il 47% degli italiani arriva al Natale 2014 mantenendo la speranza, contro un 22% che si sente sfiduciato ed un 8% che si definisce indignato. Un dato di fiducia, che arriva nonostante la maggior parte degli intervistati dia un giudizio negativo sull’anno appena trascorso: il 54% pensa che nel 2014 l’Italia sia peggiorata, il 40% invece la vede stagnante, mentre solo uno sparuto gruppo (6%) intravede profili di miglioramento. Complessivamente, il 29% delle persone intervistate ha dichiarato di attendersi un Natale peggiore di quello del 2013; il 48% – il 2% in piu’ dello scorso anno – ritiene che sara’ uguale, mentre il 23% scorge miglioramenti in arrivo.
Le richieste sotto l’albero: riduzione di disoccupazione, fisco e privilegi priorita’ per gli italiani Il lavoro rimane la prima preoccupazione degli italiani. Tra le priorita’ che, se potessero, gli italiani indicherebbero al Governo, c’e’ la lotta alla disoccupazione, intervento desiderato dal 35% dei rispondenti. Segue la richiesta di una riduzione del peso fiscale (indicata dal 30%) e dei privilegi e degli abusi (24%).

Pochissime preferenze, invece, raccolgono gli interventi per ridurre la micro-criminalita’ (5%) e i rischi di calamita’ naturali, indicati solo dal 6% nonostante i recenti, tragici avvenimenti.
Il 60% degli italiani ridurra’, comunque, le spese natalizie, contro il 34% che ha intenzione di spendere come lo scorso anno e il 6% che aumentera’ il suo budget. Tra i fattori che condizioneranno la spesa in questo Natale, si registra il crollo dello spauracchio dei prezzi: indicati come fattore condizionante solo dal 16% degli italiani, contro il 41% del 2007. Un effetto chiaro del rallentamento dell’inflazione registrato negli ultimi 12 mesi. Cresce, invece, il numero di coloro che addita le tasse e le tariffe fra gli ostacoli agli acquisti natalizi: adesso sono circa 11,8 milioni (il 25%), quasi 3 milioni in piu’ dello scorso anno, quando a lamentarsi dell’imposizione fiscale erano 8,9 milioni di persone (il 19%).
L’eccesso di pressione fiscale e’ diventato cosi’ l’ostacolo principale allo shopping natalizio dei nostri concittadini.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com