EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Diagnosi dei tumori da un semplice esame del sangue Un passo avanti per la lotta contro il cancro?

ospedale, medicinaUna nuova speranza nella lotta per il cancro dalla Francia? Sviluppato dalla società francese Rarecells, il test ISET (“Isolamento per dimensione delle cellule tumorali”) permetterebbe una diagnosi precoce del tumore con un semplice esame del sangue. Gli studi condotti dal team del professor Hofman (Istituto di ricerca sul cancro e invecchiamento di Nizza IRCAN) lo hanno confermato. Il test sarà commercializzato in Francia nel mese di novembre per i pazienti malati di cancro. Ad illustrare cosa cambia con questo metodo di rilevazione della malattia sulla stampa francese Patrice Paterlini-Bréchot , professoressa di biologia molecolare e cellulare presso l’Università Paris-Descartes, e fondatore di Rarecells diagnosi.: Ciò che è stato dimostrato è la possibilità di fare una diagnosi prima che il cancro sia diagnosticabile da semplici immagini del sangue! E’ noto che la diagnosi precoce dà una maggiore possibilità di salvare il paziente.

Abbiamo l’esempio dello striscio, il cosiddetto “pap-test”, che consente una diagnosi precoce. Ora sappiamo che rileva il 90% dei tumori del collo dell’utero. Questo è il test di medicina che ha salvato più vite! Il test ISET che è stato sviluppato come un tipo di pap-test del sangue. Si tratta di una vera e propria speranza di cambiare l’aspettativa di vita dei pazienti con cancro. La docente ha poi chiarito come funziona l’esame. Le cellule rare, tra cui il tumore vengono estratte dal sangue mantenendolo integro e senza alcuna perdita. Si deve comprendere che nel sangue, ci possono essere cellule tumorali, ma ci sono anche altre cellule non tumorali rare. Deve essere in grado di distinguere l’uno dall’altro. Deve combinare un test che non può perdere queste cellule rare, e non danneggiarle. Il nostro test ha la sensibilità confermata da altri ricercatori, e validato come riproducibile. Esso ha la capacità di rilevare una cellula tumorale in dieci millilitri di sangue, cioè mischiata in media a cento milioni di globuli bianchi e a 50 miliardi globuli rossi. Perché è difficile fare un test sensibile? Poiché è più sensibile, più può essere raggiunto precocemente nel corso della malattia. Nello studio sono stati coinvolti duecento pazienti di quarantacinque anni, centosessantotto che soffrono di broncopneumopatia cronica ostruttiva, forti fumatori, e con un alto rischio di sviluppare il cancro ai polmoni. Il test ISET ha rilevato cellule tumorali in questi pazienti. In cinque pazienti, gli scanner, non avevano rilevato noduli evidente. Il nodulo è apparso da uno a quattro anni dopo la comparsa di cellule tumorali. I pazienti sono stati poi controllati immediatamente e la diagnosi del cancro polmonare è stata confermata mediante analisi patologica del nodulo. Ciò che è straordinario è che nessun segno di recidiva di cancro è stato rilevato sedici mesi dopo l’operazione. Tuttavia, com’è noto, il cancro del polmone è il più mortale. E’ molto invasivo, molto “intelligente”. In media, cinque anni dopo la diagnosi, l’87% dei pazienti è morto. Le speranze di sopravvivenza sono legate alla diagnosi precoce, nella fase 1. E in questo caso, tutti i pazienti erano in fase 1. Questo è il motivo per cui si può sperare che sono state salvate. Per quanto riguarda gli altri tipi di tumore, tali studi dovrebbero essere fatti su pazienti a rischio, e i soggetti con malattia polmonare sono un obiettivo primario è la ragione per la scelta che è stata fatta. Questo non è l’unico, ci sono altri soggetti della popolazione a rischio. Ma la prova è valida per tutti i tipi di tumore. Tuttavia, attualmente, il test non dice da quale organo derivano le cellule tumorali. Questo è una degli aspetti della ricerca da sviluppare. La professoressa ha precisato di lavorare su questo argomento da quasi venti anni. Il primo articolo é datato 1997, e due anni dopo era partita la ricerca. “Sulla base di studi su animali, abbiamo capito che le cellule tumorali sono nel sangue per anni prima della prima metastasi. Abbiamo visto una speranza per impedire la formazione della prima metastasi, e salvare il paziente. La nostra squadra ha visto chiaramente che la possibilità di salvare vite dipendeva dalla possibilità di effettuare una prova su un lato, con una sensibilità senza precedenti, e in secondo luogo senza errori. Entrambi erano una sfida. È per questo che abbiamo sviluppato, migliorato, di analisi validato. Abbiamo fondato Rarecells nel 2009 per l’opportunità di mercato e fare lo studio da altri.Ora ci sono più di trentacinque pubblicazioni scientifiche che utilizzano le alte prove ISET. Questa è la squadra del professor Hofman che ha completato con successo la sfida. Hanno condotto lo studio. Essi sono diventati esperti mondiali di citopatologia per individuare i tumori solidi nel sangue”. Allo stato la ricerca é impegnata anche nella diagnosi prenatale per isolare dal sangue di donne incinte le cellule del trofoblasto (placenta, ndr).  Il team sta lavorando anche in questo settore, ed ha condotto una validazione clinica e ha pubblicato numerosi articoli. La rilevazione di trisomia 21 da questo sistema è attualmente in fase di studio. Il vantaggio di questa tecnica è la possibilità di isolare cellule del sangue fetale, in cui il DNA fetale è puro e quindi non mescolato con DNA materno. Relativamente ai metodi di DNA del plasma, il metodo sarebbe potenzialmente in grado di fare la diagnosi di una malattia genetica, mentre nel DNA plasmatico si sarebbe in grado di rilevare la trisomia e altre aneuploidie (quando le cellule non possiedono il numero normale cromosoma, ndr). Il test sarà venduto entro la fine dell’anno per tutti i pazienti già con diagnosi di cancro. Perché permette la diagnosi precoce dell’invasione tumorale, ma anche di seguire i pazienti per vedere rapidamente quanto il trattamento è efficace o meno. Se il trattamento è efficace, le cellule tumorali scompaiono dal sangue. I pazienti chirurgici sono attualmente seguite da metodi di imaging. Ma quando si verifica la metastasi, spesso è già troppo tardi. Per l’applicazione del test di ISET al fine della diagnosi precoce del cancro, in soggetti apparentemente senza cancro, vi é l’intenzione di sviluppare più ampi test per determinare l’origine del cancro attraverso l’analisi delle cellule tumorali circolanti. Questi nuovi test determineranno anche se queste cellule tumorali circolanti sono portatori di mutazioni che aiuteranno a scegliere i nuovi trattamenti mirati al sangue semplice, senza la necessità di un’applicazione biopsia chiamata “biopsia liquida”. Ovviamente, rileva Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, ci auguriamo che anche possa essere presto commercializzato in Italia e nel resto d’Europa per salvare quante più vite possibili dal terribile flagello del 21esimo secolo.

Lecce, 1 novembre 2014                                                                                                                                                                                      

Giovanni D’AGATA

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com