Italia

Sciopero: scontri e attacchi alle Forze dell’Ordine, Interviene il Coisp

Coisp: Sciopero, scontri ed attacchi alle Forze dell’Ordine a Padova, Milano, Palermo, Torino, il Coisp: “Un delirio in tutta Italia, è ora di dire basta a cortei e manifestazioni senza garanzie. Si vergognino gli artefici della bozza di un protocollo inutile che non ci preserva in alcun modo dalle violenze!”

“Non è più possibile continuare così lasciando le Forze dell’Ordine alla totale mercé di delinquenti patentati che meriterebbero solo la galera. Invece che supportarci e consentirci di meglio poter agire soprattutto prevenendo il massacro quotidiano degli Operatori in servizio di ordine pubblico, e pretendendo precise garanzie dagli organizzatori delle manifestazioni, politica e istituzioni sembrano volerci addirittura legare ulteriormente le mani, così che possano massacrarci meglio. E’ una vergogna”.

Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo i numerosi scontri che si sono verificati in diverse città in occasione dello sciopero indetto per oggi per protestare contro i recenti provvedimenti del Governo. In tutte le sedi le Forze dell’Ordine sono state prese di mira, ed in molti casi si sono registrati feriti.

“Ancora manifestazioni, ancora scontri, ancora violenze contro le Forze dell’Ordine, ancora colleghi feriti – si infuria Maccari -. E’ un continuo delirio questo a cui siamo sottoposti, costretti a subire ogni brutale conseguenza di qualsiasi malcontento senza che qualcuno abbia il coraggio di ammettere che strade e piazze vengono di fatto lasciate alla libera portata di chi si mescola alla gente pacifica con il solo obiettivo di aggredire chiunque porti una divisa. Nessuno osi dire che non è così, perché altrimenti non si spiegherebbe come mai prima della manifestazioni di oggi sono stati sequestrati fumogeni, secchi di letame, uova, vernice, spray, bombolette di liquido infiammabile, maschere ed aste, metalliche, e mazze in abbondanza. Ancora una volta siamo qui a contare i colleghi feriti nel fisico da balordi criminali travisati, ed ancor più feriti nell’animo da chi ha vergognosamente avuto il coraggio di mettere nero su bianco, nella bozza dei cosiddetti protocolli operativi, raccomandazioni a che siamo noi a ricordare il rispetto dovuto ai manifestanti e non il contrario. In questo Paese va tutto alla rovescia. Chi ha portato avanti questa inutile manovra a scopi puramente mediatici ha sulla coscienza tutti quei feriti che si sarebbero potuti e dovuti evitare con provvedimenti seri tesi ad arginare fenomeni il cui dilagare testimonia il rischio di una pericolosissima deriva nei confronti delle Istituzioni e di chi le difende, proprio come difende i cittadini che dovrebbero saper sostenere le proprie ragioni con civiltà”.

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close