Medit...errando

Capodanno? All’italiano piace in vacanza

Capodanno Vacanza di Capodanno? Week end di Capodanno?Gli italiani nonostante la crisi non ci pensano su due volte ed allora tutti in viaggio e ottimi successi per le strutture. Sono 4,2 milioni gli italiani che trascorreranno il Capodanno in vacanza, con un aumento stimato pari al 5% sul 2013. E’ quanto emerge da un’indagine Coldiretti/Ixè, secondo cui più della metà alloggerà in case di proprietà, di parenti o amici. Il 59% spenderà meno di 500 euro a persona e il 23% tra i 500 e 750 euro. La tendenza è per una vacanza breve con il 37% dei vacanzieri che starà fuori casa meno di tre giorni. I dati riportati da TGcom 24 sicuramente fanno conoscere una realtà migliore, un turismo senza crisi anche se ci sono location e strutture che purtroppo patiscono la crisi. Le mete preferite sono le città o i centri d’arte che sono scelte dal 48% degli italiani in vacanza, mentre al secondo posto c’è la montagna con il 22% in forte calo per la mancanza di neve mentre a seguire c’è il mare con il 15%, ma cresce la campagna con ben il 12%. La scelta della campagna e dell’agriturismo – secondo la Coldiretti – è favorita dalla necessità di ottimizzare il tempo disponibile e dalle disponibilità economiche che spingono verso vacanze flessibili e più vicine a casa.

Con il Capodanno salgono infatti a seicentocinquantamila i vacanzieri che hanno prenotato l’agriturismo per le feste di fine anno con una permanenza media ridotta però a due/tre giorni e il boom delle prenotazioni last minute su internet o attraverso applicativi tablet con i quali è ancora possibile trovare occasioni.

Rispetto allo scorso anno il 21% degli italiani ha scelto una meta delle vacanze più vicina, il 49% di eguale distanza e il 23% più lontana anche per il contenimento del costo dei carburanti. Il motivo principale – secondo la Coldiretti – è il costo del biglietto aereo, del treno e dei carburanti per il 58 per cento degli italiani, mentre il 26% è condizionato dalla minor disponibilità di tempo.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close