EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sardegna: Confartigianato chiede intervento immediato per accesso credito imprese artigiane

Maria Carmela Folchetti-

Maria Carmela Folchetti-

Folchetti: “No allo smantellamento: si agisca subito per salvaguardarli e potenziarli”.

“I Consorzi Fidi Artigiani sono l’ossigeno delle piccole imprese e per questo devono essere salvaguardati e potenziati”.

Confartigianato Imprese Sardegna lancia l’appello alla politica per salvare questi fondamentali strumenti che con la loro presenza
capillare offrono garanzie per l’accesso al credito delle imprese.

“Da diversi mesi assistiamo ad annunci di riforma dei Consorzi Fidi – afferma Maria Carmela Folchetti, Presidente di Confartigianato Imprese
Sardegna – che parlano di multisettorialità, razionalizzazione, efficacia ed efficienza, senza spiegare meglio cosa si intenda fare da
subito, e per il futuro, sullo strumento Confidi”. “Ricordiamo che in questo momento di forte difficoltà – continua la Presidente – per la
carenza di liquidità delle imprese, nonostante il costo del denaro sia a livelli bassissimi, il problema dell’accesso al credito è un dramma
quotidiano per le piccole imprese artigiane”.

La preoccupazione dall’Associazione di Categoria deriva dalla proposta, presentata in Finanziaria, di tagliare ulteriormente le
risorse che i Confidi utilizzano per garantire le imprese. “Inoltre queste risorse – continua la Folchetti – sono state fatte confluire in
un Fondo unico, finanziato con soli 5milioni di euro – che accorpa settori molto diversi tra loro come l’artigianato, l’industria,
passando per il commercio e la cooperazione”.

Nella Manovra, tra l’altro, si stabiliscono 90 giorni di tempo, dall’approvazione della manovra, per proporre un Disegno di Legge che
dovrà disciplinare gli aspetti tecnici di questa annunciata riforma.
Per gli artigiani, il timore è che oggi si vada a tagliare risorse, a farle confluire in un fondo unico senza che ancora siano scritte le
“regole del gioco”. In sostanza con quali criteri saranno assegnate le risorse? Quali saranno i parametri utilizzati per verificare
l’efficacia e l’efficienza dei Confidi? Come saranno salvaguardate le specificità delle imprese artigiane?

Confartigianato Imprese Sardegna chiede da subito un impegno della Regione sia nel potenziamento delle risorse da destinare al Fondo di
Garanzia dei Confidi sia nella certezza sulle modalità che saranno utilizzate, come scritto testualmente nella manovra, per
“salvaguardare specificità di settore”.

“Non vorremmo trovarci – conclude la Folchetti – a dover subire modalità di suddivisione delle risorse che non contemplano l’accesso
dei Consorzi Fidi del comparto artigiano”.

Per l’Associazione di Categoria, “i segnali che giungono dalla proposta in esame in questi giorni in Consiglio, concorre a nutrire il
dubbio che si stia procedendo ad un progressivo disinteresse da parte della regione per l’istituto del Consorzio Fidi che, dobbiamo
ricordarlo, nel corso del tempo ha consentito di facilitare i finanziamenti di migliaia di piccole e piccolissime imprese che senza
l’intervento di tali enti non avrebbero avuto accesso al credito. A conferma di ciò anche il fatto che la Finanziaria ha completamente
dimenticato di dotare di risorse il Consorzio di secondo grado dell’artigianato, che, con il suo funzionamento teso a premiare i
confidi associati sulla base della loro “virtuosità” ha rappresentato una formidabile leva moltiplicatrice dei volumi garantibili”.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com