Italia

Confartigianato Sardegna esprime rammarico per la non approvazione dell’emendamento sui Confidi

 Confartigianato 1 e incredulità per le parole dell’Assessore Paci in Consiglio Regionale.

Confartigianato Imprese Sardegna esprime rammarico per mancato accoglimento da parte del Consiglio Regionale degli emendamenti sui contributi al fondo rischi dei Consorzi Fidi Artigiani e sul Consorzio Fidi di secondo grado dell’Artigianato, che ha da sempre rappresentato una formidabile leva per incrementare la capacità dei confidi di primo grado nel garantire le imprese artigiane operanti in Sardegna. Altresì, l’Associazione Artigiana esprime incredulità per le parole con le quali l’Assessore Regionale al Bilancio e Credito, Raffaele Paci, ha liquidato la “problematica Confidi e Credito”, durante la discussione avvenuta nella massima Assemblea Sarda, in occasione dell’approvazione dell’articolo 14 della Finanziaria (Nota Stampa Consiglio Regionale Seduta n. 72 (II parte) Finanziaria 2015, approvati gli articoli 11, 12, 12bis, 12 ter, 12
quater, 13, 14 e 14 bis).

Siamo amareggiati perché non sono state accolte le richieste del comparto – affermano da Confartigianato Imprese Sardegnae soprattutto ancora una volta non si sono comprese le difficoltà delle piccole imprese, delle famiglie e dei territori che rappresentano”.

Poi non trova fondamento il fatto che, come affermato da Paci, le banche non utilizzino i Confidi – continuano dall’Associazione degli Artigiani così come non trova fondamento il fatto che questi Consorzi non siano “affidabili”, così come ha fatto trasparire l’Assessore”. “In merito al coinvolgimento delle Associazioni – riprende Confartigianatopossiamo affermare con assoluta certezza che la nostra Associazione è stata coinvolta sola 1 volta e i Consorzi Fidi sono stati interpellati solo 2 volte. Peraltro il 14 ottobre la “Rete dei Confidi di Confartigianato” ha inviato all’Assessore al Bilancio e Credito le propria posizione tramite lettera con la quale ha ribadito la contrarietà alla costituzione di un unico consorzio”.

Il riferimento ai 24 milioni di residui, poi, – conclude l’Associazione Artigiananon è altro che il rispetto di impegni precedentemente presi, e sui quali la Regione è in ritardo, ciò che preoccupa gli artigiani è che per il futuro non c’è la previsione di adeguate risorse: 5 milioni di euro l’anno per tutti i comparti produttivi sardi sono veramente poca cosa. Questo è il primo segnale del disinteresse della Regione a questa tematica”.

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close