Editoriali

Coranta album solista di Su Maistu dei Balentia

Su MaistuIl progetto finanziato attraverso il crowdfunding in rete

Su Maistu, al secolo Alessio Mura, fondatore dei Balentia e pioniere del rap in lingua sarda, dà alle stampe il suo primo disco solista dal titolo Coranta, disponibile da oggi venerdì 6 febbraio 2015.

Il rapper si è avvalso di un team di produttori composto da Laif, Michele Ibba, Riccardo Lisci, e Andrea Aru: quest’ultimo si è occupato anche delle fasi di registrazione, missaggio e mastering del disco.

Ai producers si aggiunge un supporto sui testi, grazie ai featuring di Andrea Mura (Lepa/Balentia), Alessandro Sanna (Quilo/Sa Razza), Giuseppe Littera (Mraxai), ed un contributo sugli scratch di Alessandro Pintus (Alex P/Crc Posse) e DJ Sputo.

Foto e grafica sono rispettivamente di Maurizio Cau e Fabrizio Melas.

Coranta contiene 12 tracce, di cui dieci in sardo e due in italiano, ed è distribuito, oltre che su supporto fisico nei negozi specializzati, anche sul web, in oltre quaranta store digitali tra cui Itunes, Google Music e Spotify, grazie al canale di distribuzione online Tunecore.

Crowdfunding – Il disco, prodotto dall’Associazione Culturale Roots in collaborazione con EjaTV.com, è stato finanziato anche attraverso il supporto economico dei fan. È infatti partita il 4 Dicembre e si è conclusa il 30 Gennaio la campagna di crowdfunding sul sito web specializzato www.musicraiser.it, attraverso la quale i sostenitori dell’artista potevano ricevere delle ricompense derivanti dal loro supporto al progetto: dall’acquisto del download digitale al disco fisico, sino ad arrivare ad una sponsorizzazione vera e propria in cambio dell’inserimento di un logo sul booklet. Si tratta di una modalità di finanziamento già ampiamente sperimentata che oramai rappresenta una valida alternativa all’approccio classico legato alle case discografiche.

L’obiettivo fissato di 2.000 euro è stato raggiunto e superato, grazie al contributo di oltre 100 “raisers”.

Il disco – Coranta, ossia quaranta in sardo, racchiude in sé il suffisso “cor” che sta per “cuore”, a simboleggiare che si tratta di un disco dedicato alla passione: per una donna, per una figlia, per un genere musicale o per un posto speciale.

Il disco si apre con la title track, Coranta, bilancio di vita dei primi 40 anni dell’artista: base calda e riflessiva, con chiari rimandi alle sonorità italiane anni ’70. Si prosegue con “Una storia”, storytelling di vita vissuta in cui una madre racconta al proprio figlio la propria caduta e la propria rinascita: il beat profondo di LaiF si sposa bene con il mood introspettivo del testo.

“Milla” è un classico in stile golden age hip hop, a disegnare i mille casi della vita, mentre “Scola becia”, che si distende su un campione di “Cissy strut” dei The Meters, è il classico “back in the days” ed al contempo un omaggio alle origini del rap isolano, in compagnia di Quilo.

“Al giusto posto”, con una strumentale degna del miglior DJ Premier, racconta l’amore e l’attaccamento ad un luogo, mentre “Unu fueddu tengiast” è il modo in cui un padre spiega alla propria figlia l’importanza della parola: atmosfere west coast ad enfatizzare le parole.

“Pensamentus”, in compagnia di Lepa, è un viaggio hip hop attraverso i pensieri, così come “Su sensu”, con Mraxai, vuole tentare di spiegare il perché della miseria umana.

“De unu a dexi”, singolo scelto per il video, ci invita a non agire/reagire istintivamente, su una base decisamente smooth e a seguire, “Candu si seus atobiaus” è una classica “love song”, caratterizzata da un beat e da un arrangiamento quasi jazzistico. Il disco si chiude con la solida “Maistus”, omaggio ai maestri di ogni tempo, e con “Torru gratzias”, doveroso ringraziamento ai Raisers e a chi ha contribuito a questo lavoro.

Link:

Musicraiser: https://www.musicraiser.com/projects/3350-coranta-il-primo-disco-solista

Facebook: https://www.facebook.com/sumaistu

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Privacy Policy Cookie Policy