Italia

Il COISP scrive al Capo della Polizia Pansa in merito agli incarichi organizzazioni sindacali esterne Polizia

Franco Maccari Segr Gen CoispL SIGNOR CAPO DELLA POLIZIA

Direttore Generale della Pubblica Sicurezza

Prefetto Alessandro PANSA

OGGETTO: Incarichi ricoperti nelle organizzazioni sindacali esterne alla Polizia di Stato – Parere dell’Avvocatura Generale dello Stato.

Richiesta chiarimenti e contestuale accesso ad atti amministrativi.

Preg.mo Signor Capo della Polizia,

con nota del 18 febbraio 2015, recante n. 557/RS/01/15/7612 ed avente pari oggetto della presente, la S.V. ha rappresentato a tutti i Dirigenti degli Uffici centrali e periferici del Dipartimento quanto segue:

L’Avvocatura Generale dello Stato, interessata in merito alla materia sintetizzata in oggetto, ha fatto pervenire il proprio avviso circa la valenza delle statuizioni di cui agli artt. 82 e 83 della legge 1° aprile 1981, n. 121, a proposito della possibilità – o meno – per il personale sindacalizzato della Polizia di Stato, e più in generale per gli appartenenti ai relativi ruoli, di assumere incarichi organici alle Confederazioni sindacali generali.

Sulla questione la difesa erariale, in sede consultiva, si è espressa affermando preliminarmente come “il dato legislativo attuale costituito dalle disposizioni degli artt. 82 e 83 della legge n. 121/81, quali norme tuttora vigenti, non possa essere superato da una interpretazione”, per così dire, “evolutiva”. Prosegue, l’Avvocatura Generale dello Stato, sostenendo che “il legislatore se ancora non ha manifestato una volontà riformatrice, ciò abbia fatto nella convinzione del permanere della congruità di quelle limitazioni all’esercizio delle libertà sindacali che sono state da sempre giustificate per la Polizia di Stato, ancorché ad ordinamento non più militare, dal rispetto dei principi di imparzialità e autonomia che la delicatezza delle attività svolte dai suoi componenti pretende”.

Pertanto, viene chiaramente esclusa la possibilità di assumere incarichi organici alle Confederazioni sindacali generali, “a ciò ostando tanto la norma dell’art. 82 della legge n. 121/81 sul divieto di iscrizione”, per il personale della Polizia di Stato, a Sindacati diversi da quelli specificatamente formatisi per detto personale, “quanto l’altra norma dello stesso articolo, che vieta altresì l’assunzione della rappresentanza sindacale di lavoratori diversi da quelli della Polizia di Stato”.

Altrettanto inequivoco si presenta il tenore dell’art. 83 della legge n. 121/81, che, come osserva l’Avvocatura Generale dello Stato, “parla chiaro nel negare la possibilità che tra i sindacati di polizia e le Confederazioni nazionali si dia luogo a rapporti di adesione, affiliazione o relazioni organizzative”.

L’autorevole Organismo, infine, nel ribadire la validità della vigente disciplina di settore ai fini delle “indiscutibili particolarità che caratterizzano la Polizia di Stato in termini di delicatezza delle proprie funzioni istituzionali”, conclude il momento consultivo rilevando come “lo stato attuale della legislazione non consenta di rispondere affermativamente al quesito sulla possibilità che un appartenente alla Polizia di Stato possa essere chiamato a svolgere incarichi riferibili a sindacati diversi da quelli specifici del Corpo”.

La Sua lettera si concludeva con la precisazione che quanto sopra veniva comunicato «per opportuna notizia, significando che eventuali incarichi ricoperti dal personale nell’ambito di organizzazioni sindacali esterne alla Polizia di Stato, dovranno essere portati sollecitamente a conoscenza di questo Dipartimento».

In pari data, inoltre, la S.V. indirizzava al COISP ed alle altre OO.SS. la nota recante n. 557/RS/01/15/7612 con la quale ribadiva i concetti sopra esposti, significando, anche in questo caso che «Tanto si comunica, per opportuna notizia di codeste OO.SS.».

Abbiamo quindi appreso, con le suesposte missive, che gli artt. 82 e 83 della nostra legge di riforma, in particolare le parti in cui si statuisce che «Gli appartenenti alla Polizia di Stato … non possono iscriversi a sindacati diversi da quelli del personale di polizia né assumere la rappresentanza di altri lavoratori» e «I sindacati del personale della Polizia di Stato … non possono aderire, affiliarsi o avere relazioni di carattere organizzativo con altre associazioni sindacali», sono «norme tuttora vigenti» (e non c’era bisogno di scomodare l’Avvocatura Generale dello Stato per capirlo!), che il dettato di tali norme è «inequivoco», ….. che le stesse «parla(no) chiaro»!!!

Ebbene, ciò che invece non è per nulla chiaro, egregio Signor Capo della Polizia, è il fatto che Lei ed il Suo Dipartimento, nonostante le richieste del COISP, anche formali, oltre che per le vie brevi nel corso di più incontri ufficiali avvenuti nel tempo su vari argomenti, si sono disinteressati, per anni, di far rispettare le suddette norme “inequivoche” e che “parlano chiaro”, così mostrando un’inaccettabile ed indegna volontà di connivenza con quella che solo ora si afferma che costituisce una assoluta trasgressione al dettato normativo …. quasi foste stati colti da una incredibile resipiscenza che, seppur apprezzata, ma non certo in questi termini così superficiali, puzza di bruciato lontano un miglio!

Ci troviamo difatti nella vita reale, egregio Prefetto Pansa, parliamo del Dipartimento della P.S., quell’Istituzione che costantemente si impegna per negare ai poliziotti l’applicazione di innumerevoli norme (il Suo silenzio alla nostra lettera del 9 gennaio 2015 recante prot. 24/15 S.N. è tra i più significativi), e non siamo quindi attori di un’opera manzoniana dove, per uno strano vizio tipico dell’autore, vi è sempre un cattivo che si pente al fotofinish di un’esistenza fatta di sbagli ed ancor peggio. Queste cose qui non accadono, se non per un qualche motivo!!

Abbiamo cercato quindi di capire cosa avesse fatto scaturire tale improvviso interessamento, dopo anni di strafottenza, nei riguardi degli «incarichi ricoperti nelle organizzazioni sindacali esterne alla Polizia di Stato» ed abbiamo trovato alcune dichiarazioni (Lei può sempre smentirle…) che lasciano supporre che il “risveglio” del Suo Dipartimento ci sia stato non certo al fine di garantire, seppur con scandaloso ritardo, il «rispetto dei principi di imparzialità e autonomia che la delicatezza delle attività svolte dai (poliziotti) pretende» ma con l’intento di corrispondere (o forse favorire? … ce lo dica Lei!) le probabili richieste (ci dica sempre Lei se ci sono state o se noi sbagliamo a pensarlo….!) di una delle due parti che in questi ultimi mesi si sono contesi (ed ancora adesso) il potere all’interno dell’Unione Generale del Lavoro (UGL), un’Associazione sindacale diversa da quelle del personale della Polizia di Stato, anche se una di queste si è sempre dichiarata in qualche modo parte organica della stessa.

Il giornale online L’ultima Ribattuta, alla pagina http://www.lultimaribattuta.it/20599_ugl-non-e-piu-guerra-e-guerriglia-di-potere, riporta un articolo di Massimo Visconti, datato 21.2.2015, dal titolo «UGL, non è più guerra. È guerriglia di potere», ove, nel riportare gli ultimi accadimenti relativi alla tormentata elezione del “nuovo” Segretario Generale dell’UGL (che hanno visto contrapporsi Paolo Capone e Salvatore Muscarella), il giornalista precisa che «la fazione di Capone ha ritenuto di ridurre il numero dei componenti da 210 a 169 componenti utilizzando una circolare del Capo della Polizia che è stata emanata il 18 febbraio e che richiama i sindacalisti della Polizia di Stato al rispetto della normativa relativa al divieto di svolgere attività sindacale all’interno di Confederazioni di lavoratori» e che «con questo stratagemma sono stati dichiarati decaduti tutti i dirigenti della UGL-Polizia di Stato, circa 15 persone» … che «appartengono all’area Muscarella».

Sempre il medesimo giornale online, alla pagina http://www.lultimaribattuta.it/20065_due-ugl, riporta altro articolo di Massimo Visconti, datato 16.2.2015, dal titolo «Ormai ci sono due UGL. Forse tre», ove si puntualizza di «una presunta “diffida” inviata “dagli Organi competenti” ai sindacalisti della Polizia di Stato a “svolgere ruoli nelle strutture confederali” così come previsto dalla legge».

Adesso, a noi poco riguarda, Signor Capo della Polizia, le questioni tutte interne all’UGL (che comunque auspichiamo si risolvano quanto prima per il bene dei loro iscritti che, per dirne una, si ritrovano a leggere della quasi esistenza di due Segreterie Generali, l’una che fa riferimento a Capone e la cui attività è riportata nel sito storico www.ugl.it, l’altra, che evidentemente è gradita a Muscarella, la cui attività è riportata nel sito parallelo www.ugl24.it). Ciò che invece ci sta a cuore, per il semplice fatto che le norme se ci sono vanno rispettate (!), è conoscere qual è la Sua reale intenzione dopo la circolare del 18 febbraio u.s..

Appare davvero incredibile, difatti, che Lei chieda ai vari Dirigenti di «porta(re) sollecitamente a conoscenza di questo Dipartimentoeventuali incarichi ricoperti dal personale nell’ambito di organizzazioni sindacali esterne alla Polizia di Stato» quando il Suo Dipartimento ne è già pienamente a conoscenza, così come è a conoscenza che alcune OO.SS. della Polizia di Stato hanno evidenti «relazioni di carattere organizzativo con altre associazioni sindacali», ad esse aderiscono o vi sono affiliati: l’UGL Polizia di Stato figura tra le “Federazioni” dell’Unione Generale del Lavoro in entrambi i siti internet prima citati …. e la stessa O.S., nel proprio Statuto presente nel relativo sito internet, puntualizza all’art. 3 che «collabora alle strategie sindacali dell’Unione Generale del Lavoro (UGL)», salvo poi aggiungere che lo fa «nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia» (che non sembra possano essere gli artt. 82 e 83 citati!!) …..; lo Statuto del Silp CGIL, presente nel relativo sito internet, puntualizza all’art. 4 che «Al SILP CGIL non è riconosciuta la facoltà di esclusione della sigla della CGIL senza il consenso di quest’ultima. I rappresentanti della CGIL sono invitati permanenti a tutti i Congressi ed ai lavori dei Comitati Direttivi del SILP CGIL, ai rispettivi livelli» ed all’art. 28 che «L’Assemblea nazionale dei quadri e dei delegati del SILP CGIL … viene convocata dal Comitato Direttivo nazionale, di norma annualmente o, comunque, nei momenti più rilevanti della vita del SILP CGIL e della CGIL» …..

Conclusa la diatriba tutta interna all’UGL, vedremo quindi il Suo Dipartimento tornare a disinteressarsi del rispetto dei menzionati artt. 82 e 83 della legge 121/81, oppure il “risveglio” è permanente e quindi vedremo cessare la tolleranza della loro palese violazione?

Glielo chiediamo espressamente, Signor Capo della Polizia, così come Le chiediamo di spiegare i motivi per cui fino al 18.02.2015 il Suo Dipartimento ha tollerato le suesposte violazioni, di conoscere quanti Appartenenti alla Polizia di Stato hanno potuto permettersi di trasgredirle tranquillamente e se verrà concesso di proseguire a farlo magari continuando a servirsi dei distacchi e dei permessi sindacali previsti dagli artt. 31, 32 e 33 del DPR 164/2002, così come, ai sensi delle norme che regolano il diritto di accesso ai documenti amministrativi, Le chiediamo di volerci trasmettere copia del parere dell’Avvocatura Generale dello Stato menzionato nelle Sue richiamate missive del 18.02.2015, della nota che ha portato all’emanazione di tale parere, di ogni altro atto relativo a tale procedimento amministrativo …. .

Nondimeno Le chiediamo di sapere se il Suo Dipartimento ha provveduto a notificare ad Appartenenti alla Polizia di Stato eventuali diffide dal continuare a svolgere ruoli nelle strutture sindacali confederali esterne alla nostra Amministrazione e se tali atti hanno riguardato solamente coloro che svolgevano attività sindacale solamente presso l’Unione Generale del Lavoro (UGL) o anche presso altre confederazioni.

Si rimane in attesa di un cortese riscontro urgente e comunque, per quanto riguarda la richiesta di accesso ad atti amministrativi formulata nella presente, entro il termine massimo previsto dalla normativa vigente.

Cordiali Saluti.

Il Segretario Generale del Co.I.S.P.

Franco Maccari

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close