Italia

Preveniamo la morte neonatale in Campania migliorando l’efficienza delle nostre risorse

neonato,bambinoLa morte di una bimba appena nata a Catania mette in luce come l’inefficienza organizzativa dei punti nascita possa avere conseguenze tragiche. Questa triste occasione obbliga amministratori ed operatori del settore a rivalutare la qualità della rete perinatale anche in Campania per scongiurare simili tragedie e, per far questo, disponiamo già di indicatori e legislazione a sufficienza. La nostra rete regionale è frammentata in 70 centri per circa 54.000 neonati /anno a dispetto dell’accordo Stato-Regioni del 2010 che impone una dimensione minima di 1000 nati/anno per punto nascita. A questa dispersione di risorse (fonte di spesa inefficace) corrisponde anche una scarsa capacità dei centri più piccoli a far fronte a problemi attesi e inattesi del neonato (proprio come a Catania!) con necessità di trasferimento nei centri regionali con maggiori capacità diagnostiche e terapeutiche. Questi trasporti avvengono in numero circa triplo (altra fonte di spesa inefficace) rispetto a quello normale a causa della già citata frammentazione della rete

A differenza della Sicilia, la Campania da oltre 20 anni è dotata di tre sistemi di Servizio di Trasporto di Emergenza Neonatale (STEN), un 118 superspecializzato per soli neonati. Lo STEN è quindi l’unico collante che previene un tasso di mortalità neonatale in Campania ancora più alto di quello attuale, che è comunque superiore alla media nazionale.

Oggi la sopravvivenza dello STEN è seriamente minacciata dall’insufficiente finanziamento regionale.

Paradosso tutto campano è che le dotazioni tecniche (ambulanze dedicate, ventilatori per neonati in condizioni critiche e spesso anche prematuri) necessitino di urgente adeguamento e che gli operatori dello STEN, veri angeli della vita, siano troppo pochi e, spesso, lavoratori precari.

Facciamo appello ai nostri amministratori perché rivedano l’intero assetto della rete neonatale allocando con la massima urgenza le giuste risorse ad un servizio di emergenza che giorno dopo giorno, notte dopo notte, tutela la vita appena sbocciata.

Il Responsabile del Servizio Trasporto Emergenza Neonatale Azienda Ospedaliera Universitaria “Federico II”

Prof. Francesco Raimondi

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close