Editoriali

#AmorePiùGrande NOTTE BIANCA DELLA FEDE_Iscrizioni(sono gratuite)terminano il 20/4

imageLa morte e risurrezione del Signore Gesù sono stati il passaggio dalle tenebre alla luce, dal buio della notte alla luce di una vita nuova.

Tutto l’amore di Dio si è manifestato nel dolore del Crocifisso.
Toccare con mano questo dolore, in un certo senso attraversarlo – così come si attraversa la notte – è la richiesta esigente che verrà fatta a tutti quelli che parteciperanno in modo che possano comprendere di essere amati nel modo più grande dal Signore. Ognuno, riscoprendo con stupore di aver ricevuto il dono di questo amore, potrà scegliere in
modo nuovo di spendersi e dare la vita per i propri amici e fratelli.

È proprio davanti alla Sindone che potranno rendersi conto di quanto grande sia l’amore di Dio, perché quel lino <> di un crocifisso sofferente che ha dato la vita e ora è vivo.
LA NOTTE mostrerà dunque una luce che ogni notte rischia di nascondere ma che sarà evidente se si lascerà spazio allo stupore che nasce dalla fede.

—MODALITÀ DI INCONTRO E PROGRAMMA—
I giovani di TORINO insieme a quelli dell’arcidiocesi di MILANO sono
invitati a raggiungere l’Area Vitali nel Parco Dora (presso la Chiesa
del Santo Volto; ingresso da via Borgaro ang. via Nole), dove si
svolgerà alle 20.30 la festa di accoglienza. Alle ore 21.30 la
<> che sarà presieduta
dall’Arcivescovo di Torino, S.E.R. Cesare Nosiglia. Sarà il momento in
cui si introdurrà il tema dell’incontro <<L’amore più grande>> e si
creerà il clima per VIVERE LA NOTTE nello stile dell’ascolto.
La preghiera darà avvio alla camminata verso la BASILICA DI MARIA
AUSILIATRICE che sarà fatta insieme secondo un ordine prestabilito che
servirà per orientare i successivi percorsi di testimonianza. La
camminata sarà animata da canti, gesti, preghiera, dialogo e silenzio.
Ci sarà una sosta altamente simbolica in PIAZZA MARIA AUSILIATRICE
davanti alla statua di san Giovanni Bosco e alla facciata della
Basilica che contiene le urne di Don Bosco, Madre Mazzarello, Domenico
Savio. Da lì si partirà per vivere gli incontri che sono segni
dell’amore che fa crescere, si prende cura, fa la pace, vola alto.
Sono previsti per ciascun gruppo due incontri di quaranta minuti
circa, organizzati sotto la forma esperienziale, in quattro luoghi del
centro cittadino.
I luoghi sono: l’Oratorio di Valdocco e la Basilica di Maria
Ausiliatrice (DON BOSCO); l’Opera del COTTOLENGO; il Santuario della
CONSOLATA (dove sarà presentata la figura del beato PIER GIORGIO
FRASSATI); l’Arsenale della Pace (SERMIG).
Ogni gruppo potrà, in fase di registrazione, scegliere quali dei due
incontri partecipare.
Dopo i due incontri previsti, ciascun gruppo (a partire dall’1.30 ca.)
si avvicinerà al luogo di ritrovo per l’ingresso nel DUOMO DI TORINO e
per la VISITA ALLA SACRA SINDONE.
Sarà il momento culminante della <>, preparato
dal silenzio del percorso che ogni pellegrino compie per avvicinarsi
al santo lino.
DAVANTI ALLA SINDONE si chiederà di riconoscere i segni dell'<>, quelli di un uomo flagellato, coronato di spine e
inchiodato alla croce che poi ha lasciato la sua immagine impressa in
un lenzuolo che lo ha avvolto.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close