Scienze e Tecnologia

Il mercato dei prodotti per l’alimentazione e la cura degli animali

unnamed (76)L’Italia continua a crescere in termini di fatturato

unica in Europa occidentale insieme alla Francia

6 maggio 2015 – Il mercato del petfood in Italia chiude positivamente il 2014 con un giro d’affari di 1.830 milioni di euro e un totale di 544.000 tonnellate commercializzate di prodotti per l’alimentazione per cani e gatti – segmento principale del mercato; ancora molto positivi i trend delle dinamiche a valore nel 2014 (+2,4% rispetto al 2013), crescita peraltro superiore a quella già rilevata nel 2013 (+1,9% rispetto al 2012) pur con una flessione dei volumi (-1,2%)1 che in ogni caso evidenzia un risultato di tutto rispetto nell’attuale contesto.

Sono alcuni dei numeri distintivi del comparto pet care, come rivela il Rapporto ASSALCO – ZOOMARK 2015 sull’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia, appena pubblicato.

Il Rapporto è un approfondimento annuale realizzato da ASSALCO, l’Associazione Nazionale tra le Imprese per l’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia con Zoomark International, il salone internazionale dei prodotti e delle attrezzature per gli animali da compagnia, in collaborazione con ANMVI, l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani e IRI Information Resources, supportato da evidenze scientifiche, ricerche e contributi di esperti.
Entrando in maggiore dettaglio, gli alimenti per gatto, nell’ambito dei quali i proprietari sono particolarmente attenti alle preferenze dei propri animali, rappresentano il 54% del totale, per un valore di 992 milioni di euro mentre gli alimenti per cane rappresentano il 46% del totale, con circa 838 milioni di euro; nell’indagine si rileva una maggiore consapevolezza dei proprietari per una corretta alimentazione quale elemento fondamentale di tutela della salute e del benessere dell’animale, con una particolare attenzione ai consigli del veterinario che guida verso la scelta di alimenti correttamente bilanciati.

Gli alimenti per altri animali da compagnia realizzano un fatturato in GDO di poco più di 18 milioni di Euro (peso dei segmenti a volume: uccelli 55,7%, roditori 40,7%, tartarughe 2%, pesci 1,6%).

Significative le cifre del comparto degli accessori che rappresentano un fatturato di circa 66 milioni di euro, con un incremento a valore del 3,9% e un aumento a volume del 2,7% rispetto al 2013. Il trend positivo del care è trainato dal segmento “igiene”, ovvero shampoo, spazzole, ossi masticabili e per dentizione, deodoranti e ciò che ha a che fare con la cura e la bellezza degli animali, con crescite del 12,8% a valore e del 10,7% a volume, negli iper e nei super2.

Nei Paesi dell’Europa Occidentale la macrocategoria del pet care che include gli alimenti per cani, gatti e piccoli animali da compagnia e gli accessori per la salute, la cura e l’igiene sta segnando un rallentamento nel mass market, mentre Italia (+ 1,3%) e Francia mostrano una tendenza positiva.

I dati positivi del mercato italiano sono l’espressione locale di un contesto globale in cui la crescita complessiva del mercato pet care negli ultimi 5 anni è del 10%, con gli alimenti per cane e gatto a rappresentarne la quota principale (66 miliardi di euro su un totale di 100 miliardi nel 2014), e con una tendenza positiva costante degli alimenti in fascia premium3.

Il Rapporto evidenzia come i “pet”, oggi circa 60 milioni in Italia fra cui oltre 14 milioni fra cani e gatti, 13 di uccelli, 30 di pesci e circa 3 milioni fra roditori, altri piccoli animali e rettili4, giochino un ruolo forte e crescente in qualità di membri della famiglia: per la loro salute e il loro benessere non si esita a orientare la scelta verso alimenti premium e superpremium e ad alto contenuto di funzionalità – che consentono regimi nutrizionali equilibrati.

Gianmarco Ferrari, Presidente di Assalco, così ha commentato il Rapporto: “Gli animali da compagnia sono a tutti gli effetti membri delle nostre famiglie e il benessere che scaturisce da questa relazione è un fatto confermato da studi scientifici e clinici. Per questo la cura per la loro alimentazione, la loro igiene e il loro benessere fa parte della quotidianità ed è sempre più importante, come conferma la crescita a valore del nostro comparto del +2,4% nel 20142. L’industria risponde a questa attenzione impegnandosi costantemente per la qualità e per la sicurezza dei prodotti attraverso procedure di controllo stringenti. Sul fronte istituzionale, le diverse Autorità di controllo vigilano costantemente sulla qualità e sicurezza dei prodotti pet food; in particolare, il Ministero della Salute ha recentemente predisposto l’edizione per il triennio 2015 – 2017 del PNAA5, nell’ambito del quale viene svolta una verifica capillare sugli alimenti destinati agli animali (da compagnia e da reddito) in tutte le fasi della produzione, a partire dalle materie prime fino alla commercializzazione, grazie al ruolo fondamentale dei Servizi Veterinari che analizzano migliaia di campioni”.

L’approfondimento su queste e altre informazioni e i dettagli sui dati di mercato si possono trovare all’interno nel Rapporto Assalco – Zoomark 2015, che è disponibile all’indirizzo www.assalco.it

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close