Economia

Sassari Servizi 0-3, arriva un nuovo regolamento

Maria Francesca Fantato
Maria Francesca Fantato

Lo ha approvato ieri all’unanimità il consiglio comunale.

SASSARI 20 maggio 2015 – Una nuova proposta regolamentare che mantiene le precedenti priorità di accesso assolute, tutela i nuclei monogenitoriali e introduce una diversificazione dei punteggi, attribuiti sulla base di ulteriori elementi considerati rilevanti, come composizione e condizioni del nucleo familiare, condizioni di lavoro e elementi di disagio lavorativo dei genitori e valore Isee. Sono questi i principi cardine sui quali si basa il nuovo regolamento dei servizi educativi comunali per la prima infanzia, Servizi 0-3, che ieri il consiglio comunale di Sassari ha approvato all’unanimità.


«In linea con gli obiettivi programmatici del settore – ha spiegato l’assessora alle Politiche giovanili e istruzione Maria Francesca Fantata – si è costruito un percorso di rivisitazione dell’attuale regolamento anche alla luce delle criticità emerse nel corso degli ultimi anni. Il confronto tra i diversi operatori, tecnici e amministrativi, ha consentito di arrivare a questa nuova proposta».

«Le trasformazioni che stanno avvenendo anche nella nostra città – ha proseguito la rappresentante della giunta di Nicola Sanna – rispetto alla minore natalità, alla tipologia di famiglia, con scarsa rete parentale, e al mondo del lavoro, sempre più precario e flessibile, chiedono alla rete dei servizi di riprogettare il proprio assetto in considerazione delle nuove condizioni sociali ed economiche che interessano i nuclei familiari che accedono ai Servizi 0-3, in una logica di risposta coerente con i nuovi bisogni.

Nel corso degli anni i Servizi 0-3 sono diventati parte di un più complesso sistema educativo. Scambi di “buone prassi”, momenti di confronto e di riflessione metodologica tra i diversi operatori e realizzazione di iniziative comuni hanno consentito di valorizzare le risorse presenti nei singoli servizi ed individuare gli standard qualitativi essenziali che caratterizzano, e devono caratterizzare, i Servizi 0-3 di Sassari. Il riconoscimento dell’importanza e della qualità dei Servizi 0-3 da parte delle famiglie, residenti nel Comune – è stato detto durante la seduta consiliare – è testimoniato dalla crescente domanda di accesso ai servizi a cui, purtroppo, nonostante l’aumento dell’offerta, si associa il fenomeno delle liste di attesa, parzialmente ridotto per la presenza sul territorio di strutture socio-educative private convenzionate. Dai 331 posti offerti nell’anno educativo 2007/2008 si è passati ai 440 nell’anno educativo 2014-2015, con un indice di copertura di circa il 20,5 per cento, rispetto alla popolazione in età 3/36 mesi residente nel Comune, pari a 2165 bambine e bambini; indice che raggiunge circa il 30 per cento con i 205 posti annualmente offerti attraverso il sistema privato-convenzionato. «Prevediamo di aumentare ancora la capacità di accoglienza – ha aggiunto ancora l’assessora Maria Francesca Fantato – per raggiungere quota 463. La valutazione complessiva delle diverse variabili che abbiamo inserito nel regolamento consentirà l’elaborazione di graduatorie più coerenti con i bisogni delle famiglie».

«Si tratta di un servizio delicato – ha aggiunto il primo cittadino Nicola Sanna – che riguarda le prime fasi di vita dei bambini. Fasi fondamentali, perché gli asili sono un momento di crescita del bambino. Il lavoro fatto per il nuovo regolamento è positivo, ci ha consentito di introdurre alcuni elementi, come quello partecipativo che dà alle famiglie la possibilità di valutare la gestione e l’indicazione delle attività che si svolgono negli asili nido.
«Le scelte – ha detto ancora – sono state fatte tenendo conto che è necessario garantire alcuni standard di eccellenza e occupazionali, sapendo che le risorse sono limitate e che cercheremo di incrementarle nella misura in cui sarà possibile».
Con un obiettivo, ha concluso il primo cittadino, di dare «servizi non certo inferiori a quelli degli anni precedenti, ma che potranno essere diversi. Non per questo ci saranno passi indietro né nella qualità né nei livelli occupazionali».

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close