Esteri

Marocco diventa meta di investitori internazionali

PSA Peugeot – Citroen realizzerà impianto a Kenitra

La casa automobilistica francese PSA Peugeot – Citroen intende realizzare un impianto da oltre 500 milioni di euro a Kentira in Marocco per aumentare le vendite nei mercati emergenti, inizierà a produrre annualmente 200 mila auto e 200 mila motori entro il 2019 con una forza lavoro di 4.500 persone. Lo ha reso noto l’amministratore delegato dell’azienda, Carlos Tavares, dopo la firma del contratto di investimento nel Palazzo Reale del Marocco, a Rabat, venerdì scorso,

Questa apertura testimonia che il Marocco raccolta i frutti della sua stabilità politica garantita dalla sua monarchia” ha commentato l’universitario francese Jean Claude Martinez, precisando che “grazie alla sua monarchia, il Marocco rimane l’unico polo di stabilità della riva mediterranea africana, tale stabilità ha ricadute positive sul piano economico, particolarmente nel settore degli investimenti stranieri”. Tutti gli ingredienti di sviluppo economico sono riuniti nel miracolo marocchino, in cui la sicurezza, la stabilità, il clima favorevole agli affari, la manodopera qualificata e il buon mercato, le infrastrutture di base che rispondono agli standard internazionali, oltre alla sua posizione geografica in quanto hub tra Europa e Africa”, ha spiegato il diplomatico francese.

Questo “investimento, inserito nel partenariato firmato tra Marocco e Francia il 28 maggio a Parigi nell’Incontro di Alto Livello che ha tracciato la linea guida bilaterale per i prossimi due anni, è un nuovo segno di fiducia espresso da un grande gruppo francese alla potenzialità di sviluppo economico marocchino” ha sottolineato Charles Fries, ambasciatore di Francia a Rabat.

Il Marocco è diventato in questi ultimi anni una destinazione di scelta degli investimenti ed una terra di predilezione per i capitali internazionali alla ricerca di opportunità.

Per la sua posizione geografica a due passi dal’Europa, l’ammodernamento delle sue infrastrutture portuarie e stradali e la sua stabilità economica e politica, il Marocco si impone come una piattaforma attrattiva per le imprese desiderose di lanciarsi nel mercato africano.

Gli investimenti Diretti Stranieri (IDE) hanno conosciuto così un progresso notevole in Marocco, diventato il terzo paese dell’Africa più attrattiva per gli investitori stranieri, grazie alla sua posizione strategica e la sua mano d’opera qualificata. I flussi degli IDE hanno raggiunto 11,7 miliardi di dirham a fine maggio 2015, con un progresso di 22,8 per cento rispetto all’anno precedente.

Concernente il settore automobile, il gruppo francese Renault s’ è installato a Tangeri e produce 300.000 automobili ogni anno, ciò che ha spinto parecchi casse automobili a raggiungere Marocco, mentre altri costruttori automobili stanno per stabilirsi in Marocco. Difatti, il successo di Renault Tanger ha stimolato l’appetito dei grandi costruttori automobili, come il caso della gigante PSA Peugeot – Citroen.

Il “Piano Emergenza”, strategia che capitalizza sulle esperienze compiute nei settori dell’automobile, l’aeronautica e l’offshoring ha ben contribuito all’attrazione dei grande industriali internazionali. Si tratta di una strategia 2014 – 2020 che creerà 500.000 posti di lavoro nell’industria, su dei bisogni globali stimati a 1,3 milione. La metà di questi posti saranno creati dagli IDE, in direzione dai quali una strategia innovativa sarà adottata. Il contributo dell’industria al PIL passerà a tal punto, da 14 pc attualmente a 23 pc nel 2020.

Così, il Marocco si posiziona come riferimento regionale nel campo dell’industria aeronautica, come ne manifesta l’insediamento della multinazionale di fama internazionale particolarmente “Bombardiere” che ha appena investito 200 milioni di dollari per sostenere lo sviluppo del settore dell’aeronautica africana. La decisione del terzo più grande costruttore aeronautico nel mondo dopo Boeing ed Airbus di stabilire una fabbrica di fabbricazione in Marocco rifletta l’emergenza del Regno in quanto hub in pieno sviluppo per l’industria aeronautica mondiale. Questa realtà è stata dedicata ultimamente con la finalizzazione a Bourget, in Francia, dell’accordo di insediamento in Marocco della nuova fabbrica dell’aeronautica, Figeac Aero, specializzata nell’industria aeronautica. L’accordo in questione riguarda l’insediamento di un’unità industriale a Casablanca con un costo di 25 milioni di euro.

Yassine Belkassem

Yassine Belkassem, marocchino italiano, già pubblicista con www.stranieriinitalia.it, e Almaghrebiya, attualmente collabora con NotizieGeoplotiche.nete Ajialpress.com testata marocchina. Per Mediterranews cura aggiornamenti dal Marocco e non solo

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close