Scienze e Tecnologia

Qualitalia Controllo Tecnico acquistata all’asta da Asacert

Asacert il 13 novembre 2014, con il supporto dello studio Lacalandra, aveva perfezionato l’affitto della fallita Qualitalia Controllo Tecnico per sei mesi e l’acquisto da parte della società di Milano era ormai una certezza dopo tutto il lavoro di questi mesi

Milano, 09 Giugno 2015 –  Asacert, organismo indipendente di Ispezione e Certificazione di Milano ma con sedi anche a Roma e Bari, ha comunicato in data odierna l’acquisto all’asta della società di ingegneria Qualitalia Controllo Tecnico.

«L’affitto del ramo d’azienda che avevamo finalizzato sei mesi fa era una grande scommessa che, grazie all’impegno e alla dedizione di tutti i dipendenti di Asacert, siamo riusciti a vincere» ha dichiarato Fabrizio Capaccioli, chief executive officer di Asacert. «Il mercato delle ispezioni in Italia è competitivo e sempre più globale –continua Capaccioli– e questa operazione aumenterà la nostra presenza sul mercato e ci consentirà una crescita rilevante in Italia e in Europa. Con Qualitalia abbiamo trovato una grande sintonia, in quanto entrambe le società sono complementari e focalizzate nel fornire alle aziende qualità e innovazione. Crediamo che i clienti, presenti e futuri, beneficeranno della leadership di questa nuova realtà e che, grazie alla fusione di pluriennali conoscenze e competenze tecniche dei due enti, il Gruppo Asacert riconfermerà il suo ruolo diplayer principale nel mercato delle ispezioni».

Sospiro di sollievo anche per gli ex dipendenti Qualitalia, che, dopo mesi di incertezze per via del fallimento, da novembre 2014 si erano integrati all’interno dell’organico Asacert e temevano di dover essere ricollocati in una nuova società. La buona notizia è che verranno assorbiti a tutti gli effetti nella struttura e potranno proseguire la loro proficua collaborazione all’interno di questa realtà che, grazie al salvataggio di Qualitalia, si appresta a diventare leader in Italia nel campo delle ispezioni su opere civili e industriali.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close