EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Edilizia: In Sardegna 26mila occupati in meno dal 2008 a oggi

 nel 2014 chiuse 500 imprese. Murgia, Presidente Confartigianato Edilizia Sardegna: “Bene i progetti di riqualificazione degli addetti ma occorre creare opportunità di mercato”.

E’ sempre negativo il trend delle imprese edili della Sardegna.

Gli occupati sono passati da 63.005 del 2008 ai 36.521 del primo trimestre di quest’anno, con una perdita secca di 26.484 unità (-42%), contro una media nazionale del -24,1%.

L’isola è tra le prime quattro regioni dove, percentualmente, si è registrato il calo maggiore dopo Calabria (- 55,3%), Sicilia (-48,2%) e Molise (-46,5).

Tra il totale delle imprese impegnate nelle costruzioni (artigiane e non), alla fine del IV trimestre 2014 se ne registravano 18.911 di cui 11.235 artigiane (il 59,4%); quest’ultimo comparto ha registrato un decremento annuale (2014 su 2013) di 496 unità (-4,2% contro il -3,3% nazionale).

A livello provinciale, alla fine del 2014, Sassari era la provincia in cui si registravano il maggior numero di imprese edili (7.503 di cui il 56,5% artigiane, ovvero 4.242). Al secondo posto Cagliari con 6.892, di cui 3.611 artigiane (52,4%). Terzo posto per Nuoro con 3.137 imprese (di cui 2.314 artigiane ovvero il 73,8%). Infine Oristano con 1.379 imprese edili di cui 1.068 artigiane (77,4%).

Per intervenire sui problemi che attanagliano il comparto dell’edilizia, questa mattina a Cagliari l’Assessore Regionale del Lavoro, Virginia Mura, ha presentato il “Progetto ICO” per l’edilizia, che prevede diverse iniziative rivolte alle imprese e ai lavoratori dell’intera filiera delle costruzioni.

A margine dell’incontro, il Presidente di Confartigianato Edilizia Sardegna, Luciano Murgia, ha così commentato l’iniziativa: “Ben vengano i progetti incentrati sul rilancio del settore edile e questa è un’importante iniziativa che dimostra un’adeguata attenzione al comparto”. “Tuttavia – continua Murgiaoperazioni di tal genere, che mirano alla riqualificazione e al reinserimento dei lavoratori in edilizia, possono funzionare se inquadrate in un sistema più generale nel quale l’Amministrazione pubblica attua in maniera celere tutti i programmi di opere pubbliche dei quali si sta parlando nell’ultimo periodo e, inoltre, acceleri la spesa per azzerare i debiti nei confronti delle imprese”.

Per far funzionare questo progetto – conclude il Presidente Murgiaoccorre che ci siano le condizioni perché le imprese abbiamo nuovi spazi di mercato. Se manca il lavoro per le imprese è inutile avere addetti riqualificati”.

Il progetto va inquadrato all’interno delle politiche che l’Assessorato sta attuando in materia di formazione continua – sottolinea Stefano Mameli, Segretario di Confartigianato Imprese Sardegna è per questo importante che le diverse opzioni formative, inerenti l’intera filiera delle costruzioni, siano coordinate tra loro per incidere veramente sulle professionalità dei lavoratori che nelle imprese edili artigiane, spesso, coincidono anche con gli imprenditori”.

Imprese nell’edilizia della Sardegna 2014 su 2014

Imprese 2014

Imprese Artigiane 2014

Incidente imprese artigiane

Variazione assoluta imprese artigiane IV trim 2014 su IV trim 2013

Variazione percentuale imprese artigiane IV trim 2014 su IV trim 2013

Cagliari

6.892

3.611

52,4%

-155

-4,1%

Nuoro

3.137

2.314

73,8%

-111

-4,6%

Oristano

1.379

1.068

77,4%

-37

-3,3%

Sassari

7.503

4.242

56,6%

-193

-4,4%

SARDEGNA

18.911

11.235

59,4%

-496

-4,2%

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com