Economia

Rapporto Istat sui pensionati italiani

Secondo quanto rilevato dall’Istat, nel 2014 in Italia i pensionati erano 16.3milioni. nel rapporto “Le condizioni di vita dei pensionati”, l’Istituto di statistica evidenzia che gli assegni versati erano pari a 17040 euro, con un lieve aumento rispetto al 2013. La situazione è peggiore per quanto riguarda le donne che percepiscono pensioni di importi nettamente inferiori rispetto agli uomini. Secondo i dati diffusi dall’Istat, le pensionate ricevono un versamento inferiore di 6mila euro rispetto a quello dei loro colleghi che, invece, arrivano a circa 20135 euro lordi.

Nel nostro Paese, le donne che smettono di lavorare per sopraggiunti limiti d’età sono circa il 4% in più rispetto agli uomini. Più della metà, esattamente l’81.4% delle pensionate ossia 2.9milioni, percepisce una pensione minima mentre fra gli uomini, questo trattamento spetta soltanto a 673unità. Analizzando lo studio dell’Istituto italiano di statisti casi evince che le pensionate sono piuttosto longeve rispetto ai maschi e che il 6% ha più di 90 anni e ben tre su dieci hanno superato gli 80 anni. Per gli uomini la situazione è differente: soltanto il 19.2% ha più di 80 anni e il 2.4% ha più di 90 anni.

Dal rapporto Istat emerge un altro dato importante che riguarda coloro che sono andati in pensione negli ultimi anni. L’assegno ricevuto è più leggero rispetto a quanto accadesse in passato. I pensionati di vecchia data percepiscono circa 15365 euro mentre attualmente l’importo medio è pari a 13965 euro.

L’assegno pensionistico è migliore e più sostanzioso per gli ex lavoratori che hanno conseguito una laurea. Nel rapporto dell’Istat viene sottolineato che per quanti sono laureati la pensione lorda è più del doppio rispetto a quanti hanno un titolo di studio inferiore; il reddito pensionistico medio di questi ultimi è pari a 1130 euro contro i 2490 euro circa, lordi, percepiti dai laureati.

Il rapporto dell’Istat mette in evidenza che, per una buona parte delle famiglie, la pensione rappresenta il principale introito economico. Nel nostro Paese sono circa 12.400mila i nuclei familiari che comprendono un pensionato; per circa il 63.2% , la pensione costituisce più del 75% del reddito. Gli assegni pensionistici per circa 2/3 delle famiglie italiane rappresentano un punto di riferimento fondamentale per condurre un’esistenza dignitosa. La pensione, in base ai dati del rapporto dell’Istat, riduce in maniera importante il rischio di scendere al di sotto della soglia di povertà. Le famiglie con pensionati vedono scendere il rischio di andare incontro a situazioni di povertà; nei nuclei familiari dove manca questo apporto, le possibilità si attestano al 22.1% contro il 16% di chi vive con un ex lavoratore.

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close