Esteri

Colloquio tra il Re Mohammed VI e il Presidente francese Hollande all’Eliseo

 Nell’ambito della visita di lavoro e d’amicizia che effettua il Re Mohammed VI in Francia, il Sovrano e il Presidente François Hollande hanno avuto colloqui, mercoledì, all’Eliseo, successivamente allargate ai ministri degli Esteri e dell’Ambiente dei due paesi, ai consiglieri dei due Capi di Stato ed agli ambasciatori rispettivi. Nella stessa visita i due Capi di Stato si sono resi all’Istituto del Mondo Arabo (IMA), dove è stato presentato il progetto del futuro centro culturale marocchino a Parigi. Questa visita illustra l’eccellenza delle relazioni bilaterali e consolida la loro portata strategica e la loro vocazione da stabilirsi costantemente in un partenariato ambizioso e multidimensionale.

Il Presidente della repubblica ha ringraziato il Re per il suo impegno personale nel successo del COP21 conferenza dell’ONU sul clima organizzato a Parigi nel 2015. Nello spirito dell’Appello di Tanger del 20 settembre 2015, ed in vista di un’azione responsabile e forte a favore del clima, i due Capi di Stato hanno dato istruzioni per predisporre un piattaforma congiunta in grado di mantenere la mobilizzazione, rafforzare la coordinazione per la ratifica da parte di tutti gli Stati membri dell’accordo di Parigi e di garantire il successo del COP22 che si terrà a Marrakech dal 7 al 18 novembre 2016.

La questione libica ben presente. I due Capi di Stato hanno affrontato le questioni regionali, in particolare la questione libica, che pone grandi sfide per la sicurezza nel Magreb e nel Mediterraneo occidentale. Il Presidente francese ha salutato il ruolo essenziale del Marocco nel processo avviato sotto l’egida delle Nazioni Unite che ha portato all’Accordo di Skhirat per la formazione di un governo d’unione nazionale. I due Capi di Stato hanno invitato la Camera dei Rappresentanti libica ad accordare rapidamente la sua fiducia a questo nuovo governo per smontare le numerose sfide alle quali è confrontata la Libia e tutta la regione.

Sul piano bilaterale, i due Capi di Stato hanno salutato il buon avanzamento dei cantieri impegnati in particolare in materia economica e culturale; Si sono anche rallegrati per la fruttuosità della cooperazione nella lotta contro il terrorismo e la criminalità transnazionale e hanno esaminato nuove piste di cooperazione rafforzate, in particolare nel settore della sicurezza, della de-radicalizzazione, della cultura, del vivere insieme e della cooperazione triangolare in Africa; Il Sovrano e il Presidente francese si sono soddisfatti del nuovo slancio che anima le relazioni bilaterali e hanno ribadito la loro volontà di proseguire il loro accordo, particolarmente, attraverso il rafforzamento dei meccanismi di cooperazione regolare, in modo d’iscrivere di più queste relazioni nella continuità e l’eccellenza.

È presentato il progetto del futuro centro culturale marocchino a Parigi. Al termine del colloquio e all’invito di Jack Lang Presidente dell’Istituto del Mondo Arabo (IMA), il Sovrano e il Presidente francese sono andati a questo istituto, dove è stato presentato il progetto del futuro centro culturale marocchino a Parigi.

Il centro culturale costituirà una vera vetrina della cultura marocchina nella sua diversità in quanto parteciperà alla promozione del patrimonio e delle tradizioni marocchini, contribuirà a far conoscere in Francia la scena artistica marocchina contemporanea in uno spirito di partenariato con le istituzioni culturali marocchine e francesi; contribuirà anche al rafforzamento dei legami tra la Comunità marocchina residente in Francia ed il suo paese d’origine. Situato in Boulevard Saint-Michel, ex sede dell’Associazione degli studenti musulmani nordafricani, di una superficie di 1360 m², il progetto in cui il budget d’investimento di 7 milioni di euro e che sarà pronto in 24 mesi, è concepito con un’architettura contemporanea, in fase con l’ambizione di incarnare un luogo di incontro tra le culture.

All’IMA i due Capi di Stato hanno, inoltre, presieduto la cerimonia di firma di una convenzione tra la Direzione degli Archivi Reali e il Museo della Liberazione volta di organizzare a ottobre prossimo, un’esposizione sul Marocco, in occasione della celebrazione del sessantesimo anniversario dell’indipendenza. Dopo le esposizioni riuscite a Parigi “sul Marocco medioevale” e “il Marocco contemporaneo”, quest’evento costituirà una nuova occasione di illustrare la singolarità delle relazioni tra Francia e Marocco.

Infine, il sovrano ha visitato la mostra dedicata “alla leggenda d’Osiris” e che espone più di 250 oggetti ed opere di patrimonio mondiale dell’antichità e una quarantina opere provenienti dai musei del Cairo e di Alessandria.

Yassine Belkassem

Yassine Belkassem, marocchino italiano, già pubblicista con www.stranieriinitalia.it, e Almaghrebiya, attualmente collabora con NotizieGeoplotiche.nete Ajialpress.com testata marocchina. Per Mediterranews cura aggiornamenti dal Marocco e non solo

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close