Salute

Il pisolino pomeridiano fa bene alla memoria

Dormire al pomeriggio permette di migliorare le capacità mnemoniche di ben cinque volte

 Il sonno aiuta a consolidare i ricordi, favorendo la memoria. Sono sufficienti quarantacinque minuti di pennichella per far migliorare la capacità memonica di cinque volte. Un breve periodo di riposo ha un ruolo di grande importanza nel consolidare le informazioni apprese. Grazie al pisolino, il processo mnemonico diventa più proficuo e più semplice.

Uno studio scientifico, pubblicato sulla rivita scientifica Neurobiology of learning and memory, e condotto in Germania presso la Saarland University ha valutato la memoria di quarantuno studenti. Ai partecipanti è stato chiesto di memorizzare centoventi coppie di parole e novanta parole non legate fra loro; in seguito sono stati divisi in due gruppi. Il primo ha guardato un film mentre, il secondo ha riposato per circa novanta minuti. Gli studenti sono stati sottoposti nuovamente al test di memoria ed è stato verificato che chi aveva dormito ha ottenuto un rendimento più alto. I risultati peggiori hanno riguardato i ragazzi che si sono dedicati alla visione del dvd e che quindi non hanno riposato.

 dormire

Il pisolino pomeridiano favorisce i ricordi

I ricercatori hanno concluso che il riposo, anche se di breve durata, è fondamentale per la sedimentazione delle nozioni apprese. Dormire dai quarantacinque ai sessanta minuti aiuta a ricordare di più, favorendo la memorizzazione dei dati appresi. Il sonno, anche se di breve durata, incide positivamente sull’apprendimento e sul richiamo delle informazioni. Il pisolino è quindi fondamentale per ottenere risultanti migliori non soltanto nello studio ma anche sul lavoro.

 pennichella(1)

Il pisolino pomeridiano migliora la concentrazione e le abilità cognitive

 Si tratta di una ricerca molto interessante che potrebbe avere dei risvolti importanti non soltanto per gli studenti ma per tutti coloro che svolgono lavori di concetto o particolarmente delicati. In precedenza, uno studio condotto a New York dal neuro scienziato William Fishbein della City University aveva dimostrato le virtù positive del sonno. I venti partecipanti sono stati sottoposti a delle domande relative ad una lingua a loro sconosciuta, il cinese. In seguito sono stati divisi in due gruppi; uno soltanto poteva dormire per novanta minuti. In seguito tutti hanno risposto ad alcune domande di lingua cinese. E’ emerso chiaramente che gli studenti che avevano riposato erano più pronti e più capaci di rispondere alle domande rispetto a chi era stato sveglio. Il sonno li ha aiutati a ricordare di più ma anche ad avere una mente più reattiva e veloce. Riposare, anche per poco tempo, è fondamentale per favorire la memoria e le altre abilità cognitive, compresa la capacità di concentrarsi.

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close