EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Energia elettrica: i nuovi contatori intelligenti – costi e benefici

Energia elettrica: i nuovi contatori intelligenti - costi e benefici

L’AEEG, l’authority per l’energia, ha approvato dopo un approfondito processo di consultazione e nei tempi previsti dal recente decreto sull’efficienza energetica, oltre a riportare le linee guida per migliorare il consumo energetico, prevede l’obbligo di istallare ovunque i nuovi contatori intelligenti (2G) , che permettono di mettere in atto una serie di misure a garanzia dell’utente e di chiarezza dei consumi reali sulle bollette energetiche, dando così una serie di vantaggi ai consumatori ed alle imprese fornitrici.
Nel documento pubblicato dall’Autority, sono sintetizzati i principali benefici di questi contatori, che saranno installati gradualmente in sostituzione di quelli vecchi a partire dal 2017. I 2G danno la possibilità di monitorare il contatore ogni quindici minuti, quindi i consumi, in tempo reale, eliminando così i conguagli in bolletta, il cambio immediato per un’eventuale variazione del contratto di fornitura, il superamento del sistema delle fasce predefinite e offrire la possibilità all’utente delle soluzioni contrattuali ad hoc secondo le sue esigenze, come le fasce orarie flessibili definite dal fornitore, oppure con soluzioni prepagate. Le linee guida, comunque, lasciano a qualsiasi compagnia fornitrice dell’energia, la possibilità di proporre vari prodotti, purché rispettino le modalità di funzionamento e le performance tracciate dall’Autority stessa.
E’ da ricordare che questi contatori di seconda generazione, presentano comunque caratteristiche avanzate rispetto a quelli precedenti, perché per comunicare i dati, sfruttano la rete elettrica PLC o la radiofrequenza. I nuovi contatori 2G dovranno inoltre rispettare la regolazione in tema di brand unbundling per il distributore e la loro introduzione non potrà far venir meno la piena funzionalità di quelli di prima generazione 1G installati finché saranno in esercizio.
Il compito di definire un protocollo standard di comunicazione capace di connettere i contatori ai dispositivi dei clienti, è stato affidato al Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI).
Infine, come previsto dalla Direttiva europea 1535/2015 sulle regole tecniche, questo provvedimento sarà notificato dall’Autority alla Commissione europea per verificarne la compatibilità con il diritto dell’Unione e con i principi della libera circolazione di beni e servizi, alla fine del periodo di stand-still europeo, di circa tre mesi. I termini di legge per la definizione delle nuove funzionalità rimangono comunque compatibili con quanto previsto dal Dlgs 102/ 2014 sull’efficienza energetica (giugno 2016).

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com