Esteri

I PAESI DEL GOLFO CONSIDERANO LA QUESTIONE DI SAHARA MAROCCHINO COME UNA CAUSA DEL CCG (COMUNICATO CONGIUNTO)

Nel comunicato congiunto che ha sancito il vertice Marocco – paesi del Golfo, tenuto mercoledì a Riad in Arabia Saudita, in presenza del Re Mohammed VI, i dirigenti del CCG, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Bahrain e Kuwait, hanno ribadito la loro posizione favorevole alla marocanità di Sahara ed il loro sostegno all’iniziativa d’autonomia presentata dal Marocco, come base di ogni soluzione a questa vertenza regionale artificiale.

Hanno espresso il loro rifiuto di qualsiasi danno agli interessi supremi del Marocco, in base agli indicatori pericolosi che questo dossier ha conosciuto durante le ultime settimane, con le sbagliate e inaccettabili atteggiamenti di Ban Ki-moon segretario generale dell’ONU, durante la sua visita in Algeria.

13059420_1246446872049845_1917809351_n

D’altra parte, i dirigenti del CCG hanno espresso il loro impegno alla difesa comune della sicurezza e della stabilità dei loro paesi, e al rispetto della sovranità degli Stati, della loro integrità territoriale e delle loro costanti nazionali, come pure il loro rifiuto di ogni tentativo che mira a scuotere la sicurezza e la stabilità e a spargere il separatismo e la divisione, con l’intenzione della ricomposizione delle carte dei paesi o della loro divisione, al rischio di minacciare la pace e la sicurezza regionale e internazionale.

Sulla base di queste costanti, il comunicato rileva che i Paesi del CCG ed il Regno del Marocco costituiscono un blocco strategico unito, dal momento che tutto ciò che tocca alla sicurezza di uno Stato, concerne la sicurezza delle altri.

In base ai gravi sviluppi e minacce di sicurezza e politici che conosce la regione araba, esacerbi dalla mancanza di soluzioni al conflitto in Medio Oriente e di regolamento delle crisi di cui soffrono Siria, Iraq, Libia e Yemen, il vertice ha messo l’accento sull’importanza di coniugare gli sforzi per affrontare queste sfide, con fermezza e responsabilità.

Ribadendo la loro condanna dell’estremismo e del terrorismo su ogni sue forme e manifestazioni, i dirigenti hanno sostenuto che questo flagello pericoloso non dovrebbe essere associato ad una civilizzazione o ad una religione, pur richiamando a affrontare tutti i tentativi che mirano a diffondere il settarismo ed il confessionalismo che infiammano la discordia, con l’intenzione di intervenire negli affari interni degli Stati.

Hanno, tuttavia, chiamato al coordinamento degli sforzi regionali ed internazionali per lottare contro il terrorismo, estirparlo e annientare le cause, sottolineando l’importanza del sostegno apportato a questi sforzi da Alleanza Militare islamica per combattere il terrorismo.

I dirigenti del CCG e il Re Mohammed VI, hanno ribadito la loro fede nel comune destino e degli obiettivi, il loro attaccamento ai valori della solidarietà attiva e della fraternità sincera, che formano la base delle relazioni storiche eccezionali che uniscono i paesi del CCG ed il Regno del Marocco.

Il vertice ha costituito un’occasione di dialogo e di coordinamento delle posizioni per affrontare le sfide e minacce che vive la regione araba, di scambio di vedute concernenti le questioni regionali ed internazionali d’interesse comune.

I leader hanno espresso la loro soddisfazione del progresso continuo nell’azione comune per la realizzazione di questo partenariato strategico secondo i piani d’azione che hanno definito le dimensioni e gli obiettivi, in vista di rafforzare i processi di sviluppo umano, di facilitare lo scambio commerciale e di promuovere l’investimento, sottolineando la necessità di dare a questo partenariato un salto qualitativo e di svilupparlo nel suo aspetto istituzionale.

Questo vertice è stato anche l’occasione di esaminare le possibilità di mettere le basi di una cooperazione più globale tra il CCG, il Regno del Marocco ed i paesi africani sub-sahariani, in termini di rafforzamento della sicurezza e della stabilità al servizio degli interessi comuni.

Alla fine di questo vertice, i Capi di Stato hanno sottolineato l’importanza di proseguire il dialogo ed il coordinamento per rafforzare le basi del partenariato esistente tra i paesi del CCG ed il Regno del Marocco, per concretizzare le aspirazioni dei loro popoli, servire gli interessi delle nazioni arabe ed islamiche e realizzare la pace e la sicurezza mondiali.

Yassine Belkassem

Yassine Belkassem, marocchino italiano, già pubblicista con www.stranieriinitalia.it, e Almaghrebiya, attualmente collabora con NotizieGeoplotiche.nete Ajialpress.com testata marocchina. Per Mediterranews cura aggiornamenti dal Marocco e non solo

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close