Comunicati Stampa

SALVINI METTERÀ ANCHE MAGLIA DEI VIGILI FUOCO? CONAPO, CONTENTI SE SERVE ALLA CATEGORIA

Roma, 17 Agosto 2016 – “Salvini ha detto che la prossima volta indossera’ la maglia dei vigili del fuoco ? Noi del Conapo siamo contenti, lo aspettiamo con ansia, ma venga anche nelle nostre sedi di servizio a toccare con mano cosa vuol dire soccorrere in emergenza e garantire la sicurezza dei cittadini nelle condizioni attuali in cui è il corpo nazionale dei vigili del fuoco. Io non ne faccio una questione di colore politico ma di interesse a che i politici, tutti, si occupino di sicurezza, specie nell’attuale clima di rischio terrorismo, quindi grazie a Salvini se lo farà. Per questo estendo l’invito anche a tutti gli altri politici di tutti i partiti, anzi, per come sono fatto io, la maglia dei vigili del fuoco la farei indossare anche al ministro Alfano ! “.

Così Antonio Brizzi , segretario generale del Conapo sindacato autonomo vigili del fuoco, in risposta alle dichiarazioni del leader della lega Matteo Salvini.

“Ma attenzione – avverte Brizzi – non basta indossare la maglia dei vigili del fuoco, i politici si facciano anche sostituire per un mese la busta paga, cosi finalmente toccheranno con mano come lo stato tratta i servitori della sicurezza e, tra questi, i vigili del fuoco che sono il corpo piu’ dimenticato”.

“Per il Conapo – continua – i politici sono tutti legittimati a indossare la maglia dei vigili del fuoco, non ci interessa il colore del partito, ma a patto che lo facciano per migliorare efficienza del Corpo, sicurezza dei cittadini e dignità lavorativa degli appartenenti, e non per sola propaganda di partito. Vorrei vedere quindi tutti i politici con la maglia dei vigili del fuoco, ma con l’impegno ad evidenziare che abbiamo il peggior trattamento previdenziale e la peggiore retribuzione tra tutti i corpi dello Stato, trecento in meno ogni mese”, ha concluso il segretario del Conapo, il sindacato dei vigili del fuoco che da tempo porta avanti queste battaglie di equiparazione.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close