Comunicati Stampa

Turismo in Vigna: l’entroterra e la vendemmia conquistano i turisti

foto880 partecipanti provenienti da tutta Europa, con ospite d’onore il console generale della Federazione Russa a Genova Marat Pavlov

 

Prova d’orchestra, in attesa dell’avvio dei progetti del G.A.L, per gli imprenditori del turismo e dell’agricoltura che hanno sostenuto e promosso l’esperimento di turismo esperienziale proposto dagli assessorati regionali al turismo e all’agricoltura, in occasione della vendemmia 2016. Un banco di prova che ha testato la voglia di collaborare e fare rete tra le due economie più importanti del ponente ligure e che, grazie a questa iniziativa, ha potuto sperimentare i vantaggi e i benefici che è possibile ottenere unendo le forze, le risorse fisiche ed economiche. “La vendemmia – ha commentato l’assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai che ieri ha partecipato all’evento – può essere vista non solo come prodotto turistico in grado di allungare la stagione balneare delle strutture ricettive della costa e quindi contribuire alla destagionalizzazione dell’offerta turistica, ma anche come strumento e leva di marketing per  commercializzare i prodotti vitivinicoli delle cantine liguri che su alcuni mercati stranieri sono poco conosciuti pur avendo enormi margini di apprezzamento”. Al centro del progetto “Turismo in Vigna” la sede staccata di Ortovero dell’Enoteca Regionale della Liguria,  la rete d’impresa Viti In Riviera, i vigneti  e rilevanze storico artistiche del piccolo centro della bassa Valle Arroscia, oltre alle eccellenze agroalimentari che hanno fatto da degna cornice alle attività di team building proposte dal format del Centro Studi sul Turismo dell’alberghiero F. Maria Giancardi di Alassio. Il quattro team in gara si sono confrontati e sfidati sui “like” nelle piattaforme social, ma anche in vigna, in cucina e con le prove di sommellerie. Un straordinaria prova di squadra che ha schierato “in vigna” gli imprenditori turistici e quelli vitivinicoli  di  ALASSIO FUN & OUTDOOR e quelli di “VITI IN RIVIERA”, con l’intento di dare, attraverso questo test,  risposte concrete al tema della destagionalizzazione della nostra offerta turistica, troppo ancorata al segmento climatico-balneare. L’educational, che ha visto la presenza degli esperti di social media marketing dell’agenzia regionale “In Liguria”, le telecamere di “Liguria Digitale”, dei fotografi del Circolo S. Giorgio di Albenga, dei sommelier dell’A.I.S., del maestro di Cucina Renato Grasso e dei migliori alunni degliiIstituti alberghieri N. Bergese e F.M. Giancardi, ha confermato, come l’unica strada possibile per rilanciare l’economia e dare prospettive alle nuove generazioni: sia quella di imparare a costruire alleanze e collaborazioni tra imprese e territori. Gli operatori del comparto alberghiero hanno potuto constatare l’entusiasmo con il quale i turisti provenienti da tutta Europa, in riviera per una vacanza “lettino, sole e mare”,  hanno vissuto ed apprezzato “l’altra Liguria”, con le sue eccellenze: dai vigneti alle produzioni agricole. Un progetto incentrato sulla filosofia e le tecniche del “wikibrands”, ideato dal Centro Studi sul Turismo dell’Alberghiero di Alassio, che attraverso l’effetto engagement generato dalle piattaforme social, ha trasformato i turisti in testimonial del brand “Liguria”. Grazie alle prove del team building, legate alla cucina della tradizione, alle aromatiche e alle salse al mortaio e alla degustazione dei grandi vini liguri,  i partecipanti sono diventati i migliori comunicatori delle eccellenze agroalimentari e vitivinicole del “made in Liguria”.

Tutti i games hanno visto i quattro team sfidarsi sui “like” e sulle piattaforme facebook, Istagram, Twitter con il TAG #lamialiguria sulla pagina https://www.facebook.com/Team- building-in-vigna- 629573330535365/. Le immagini  più significative di questo educational di turismo esperienziale saranno poi pubblicate sul portale regionale www.lamialiguria.it.

Il progetto ‘Turismo in vigna’ è stato realizzato da Regione Liguria, assessorati al turismo e all’agricoltura, Unioncamere Liguria, in collaborazione con il Comune di Ortovero, dall’Enoteca Regionale sede di Ortovero  e la rete degli Alberghieri della Liguria con il coordinamento organizzativo del Centro Studi del “Giancardi” di Alassio con i docenti Antonella Annitto, Giovanni Falcone, Rita Baio, Monica Barbera, Sara Ceccatelli, Agnese Bove, Nello Simoncini, Maria Elisabetta Corradi, Giovanni Marello, Roberto De Palo,Tiziana Mucci e Franco Laureri. La manifestazione è sostenuta da: rete d’impresa “viti in riviera”, Alassio “Fun&Outdoor”, Cooperativa l’Ortofrutticola di Albenga, Cooperativa Olivicoltori di Arnasco, Torrefazione La Genovese, Associazione Italiana Sommelier e Centro di formazione Elfo Liguria.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close