Salute

Lo sport favorisce la memoria

L’attività fisica può favorire l’apprendimento e migliorare le capacità mnemoniche, soprattutto a lungo termine

Il movimento fisico è salutare per corpo e mente e, in particolare, per la memoria. Per migliorare le attività cognitive, lo sport è un aiuto naturale ed economico. Muoversi dopo aver memorizzato delle informazioni permette di fissare meglio e più velocemente i dati.

La ricerca su sport e memoria

Secondo uno studio condotto nei Paesi Bassi presso il Radboud University medical center lo sport, svolto dopo quattro ore dal momento in cui si apprendono delle informazioni favorire la le attività cognitive. I dati, pubblicati sulla rivista scientifica Current biology, sono stati ottenuti prendendo in esame 70 persone che hanno memorizzato alcune informazioni e poi sono stati suddivisi in 3 differenti gruppi. Il primo non ha praticato movimento, il secondo lo ha fatto subito dopo lo studio mentre il terzo prima di iniziare ha atteso 4 ore. I pazienti hanno effettuato 40 minuti di movimento svolgendo delle attività aerobiche; in particolare si sono dedicati alla cyclette arrivando ad una frequenza cardiaca massima dell’80% .

I volontari, dopo 48 ore, hanno effettuato una risonanza magnetica e hanno affrontato dei test utili per valutare quanto si ricordava. I ricercatori hanno concluso che fra coloro che hanno praticato attività sportiva dopo 4 ore, le capacità mnemoniche erano notevolmente migliori e che l’attività riscontrata a livello dell’ippocampo era più ampia.

I ricercatori hanno evidenziato che questi risultati possono rivelarsi particolarmente preziosi per aumentare la memoria a lungo termine e per offrire una possibile soluzione in vari contesti.

Memoria più forte

Le capacità cognitive e la memoria possono essere migliorate ad ogni età, anche se si è in là con gli anni. Per ottimizzare la memorizzazione è indispensabile avere uno stile di vita sano ed attivo. La dieta deve essere variata e deve essere ricca di vitamine, come la B e grassi buoni che si trovano nella frutta secca, nei semi oleosi e nel pesce. Proprio il pesce è ritenuto molto prezioso per contrastare il decadimento cognitivo e le patologie neurologiche. Una sostanza preziosa per le prestazioni cognitive è la colina che si trova, per esempio, nel tuorlo d’uovo.

Il benessere dell’intelletto, e della memoria, dipende in parte anche da quanto viene allenato. Leggere, imparare a memoria i numeri di telefono o delle poesie, dedicarsi ad attività nuove sono tutti gesti semplici ma effettivamente efficaci.

Per favorire il benessere della memoria è possibile imparare una nuova lingua, viaggiare o dedicarsi ai giochi di società.

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close