Salute

Mangiare meno fa vivere meglio e di più

dietaMangiare meno potrebbe migliorare la qualità e le speranze di vita, tenendo lontane molte patologie

Ridurre l’introito calorico potrebbe favorire la longevità e la salute perché si riuscirebbero a contrastare vari disturbi, come quelli legati al tono dell’umore e al sonno. Mangiare meno favorisce la perdita di peso e, di conseguenza, può contrastare l’insorgenza di malattie come il diabete alimentare e l’ipertensione arteriosa.

La restrizione calorica e la salute

Secondo una ricerca svolta in Louisiana, presso il Pennington biomedical research center di Baton Rouge abbattere del 25% le calorie favorisce il benessere e le speranze di vita. I pazienti coinvolti, 200 sovrappeso e normopeso, sono stati divisi in 2 gruppi, uno dei quali doveva effettuare una riduzione dell’apporto calorico del 25%. Prima dell’inizio dello studio e alla fine, i volontari sono stati sottoposti ad alcuni test, relativi per esempio alla qualità della vita e al tono dell’umore. Dopo 2 anni, è emerso che coloro che avevano mangiato meno stavo meglio perchè dormivano meglio, avevano più energia e avevano una qualità della vita più alta. In generale, mangiare meno è coinciso con più buon umore, con maggiore desiderio sessuale e meno disturbi di salute. Inoltre, il peso è sceso di 7.5 chili.

I ricercatori hanno sottolineato che il dimagrimento determinato dalla restrizione calorica favorisce il benessere generale e, di conseguenza, la longevità.

Gli effetti positivi del mangiare meno sono stati evidenziati da numerose ricerche. I dati di un’indagine scientifica condotta negli Usa, mostrano che una riduzione calorica del 25% coincide con un miglioramento dello stato di salute. Controllare le calorie permette di regolarizzare i valori di glicemia, diabete e pressione arteriosa.

Come controllare l’appetito

Il senso dell’appetito non sempre determinato da un reale bisogno di alimentarsi. La fame nervosa è causata da un senso di disagio o di difficoltà e può essere collegata ad insicurezza, stress o tensioni. Per contrastare la fame nervosa è indispensabile chiedere il supporto di un medico specialista che può indicare il trattamento farmacologico più adatto. Un aiuto naturale può arrivare dalle tecniche di respirazione, dal pilates e dallo yoga. Si tratta di discipline che permettono di ritrovare la serenità, l’equilibrio psicofisico e il benessere interiore.

Per placare il senso dell’appetito si possono consumare cibi poco calorici e salutari come la verdura cruda e la frutta. In alternativa, è consigliata la frutta secca che apporta proteine vegetali, grassi buoni e fibre, utili per saziare a lungo e velocemente.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close