EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Medicina: la riduzione del volume cerebrale nella sclerosi multipla è associata con una perdita di proteine nel sangue

sangue La perdita di una proteina chiamata emoglobina dai globuli rossi danneggiati può essere associata con una riduzione del volume cerebrale nella sclerosi multipla.

Questa è la conclusione di un team dell’Imperial College di Londra, i cui risultati di fase iniziale suggeriscono dei trattamenti che abbassino i livelli di emoglobina potrebbero rallentare la progressione della malattia. L’emoglobina trasporta il ferro e l’ossigeno in tutto il corpo nei globuli rossi.

La ricerca, che ha coinvolto 140 pazienti con una forma avanzata della malattia, chiamata sclerosi multipla secondariamente progressiva, ha appena superato revisione paritaria (peer review ) nella nuova piattaforma di pubblicazione, Wellcome Open Research.

Il professor Charles Bangham, autore principale dello studio, del Dipartimento di Medicina dell’Imperial, ha dichiarato: “Questi risultati sono entusiasmanti ma iniziali. Se ulteriori studi li confermano, possono suggerire nuove vie di trattamento, e, auspicabilmente, più opzioni da offrire in futuro ai pazienti. ”

La sclerosi multipla (SM) colpisce circa 100.000 persone nel Regno Unito. La condizione per tutta la vita colpisce il cervello ed il midollo spinale, e si traduce nella distruzione dei nervi.

I sintomi e la gravità della malattia, variano molto da persona a persona, ma spesso comprendono stanchezza, problemi di visione, spasmi muscolari e disabilità motoria.

All’inizio, i pazienti tendono a sperimentare episodi ripetuti della condizione, ma i sintomi migliorano tra ogni periodo di malattia.

Tuttavia circa il 65 per cento dei pazienti prima o poi sviluppare una forma più grave della malattia, chiamata sclerosi multipla secondariamente progressiva. In questa fase, che inizia generalmente circa 15 anni dopo la diagnosi iniziale di SM, i sintomi diventano sempre più gravi, senza periodi di miglioramento.

La condizione porta alla morte delle cellule cerebrali, e in media, il volume del cervello si riduce di circa il 0,3 per cento all’anno nella SM secondariamente progressiva.

Il ferro è collegato ai danni cerebrali

Ricerche recedenti hanno trovato elevate quantità di ferro depositato attorno ai vasi sanguigni nel cervello. Anche se il minerale è fondamentale per far funzionare il nostro corpo, è tossico ad alti livelli – e gli scienziati hanno suggerito che può innescare la morte delle cellule cerebrali nella sclerosi multipla.

Nel nuovo studio, il team suggerisce che l’emoglobina, che trasporta il ferro e l’ossigeno in tutto il corpo può causare questi alti livelli di ferro.

L’emoglobina è di solito contenuta all’interno dei globuli rossi del sangue. Tuttavia, le ricerche precedenti suggerisce globuli rossi nei pazienti con SM sono, per ragioni sconosciute, più fragili del normale e si rompono facilmente.

Quando i globuli rossi si rompono liberano l’emoglobina nel sangue. Normalmente, la proteina verrebbe allora fermaa dall’entrare nel cervello da un ‘checkpoint’ tra il flusso sanguigno ed il cervello. Tuttavia, nei pazienti con SM questo punto di controllo – chiamato barriera emato-encefalica – è indebolito, permettendo all’emoglobina di navigare all’interno.

Il team suggerisce che una volta che l’emoglobina entra nel cervello viene spezzata da un enzima chiamato eme ossigenasi I, che è stato trovato in alti livelli nel cervello dei pazienti con SM.

La distruzione dell’emoglobina provoca un rilascio di ferro nel cervello.

Il professor Bangham ha spiegato: “Il ferro fuoriesce dall’emoglobina, e può quindi causare il danno cellulare e la riduzione del volume cerebrale che osserviamo nella SM secondariamente progressiva.”

I ricercatori sottolineano che non esistono metodi alimentari per ridurre i livelli di emoglobina, e le persone non dovrebbe eliminare il ferro dalla loro dieta.

“Il ferro assunto con gli alimenti non ha alcun effetto sui livelli di ferro che si accumulano nel cervello. Sono i livelli di emoglobina, piuttosto che di ferro che devono essere affrontati. Il ferro è di vitale importanza per il corpo, e non deve essere ridotto nella dieta “, ha spiegato il professor Bangham.

Nello studio, il team ha trovato che i pazienti con sclerosi multipla avevano elevati livelli di un composto chiamato siero lattato deidrogenasi, che viene rilasciato quando i globuli rossi si disintegrano.

Speranza per nuove terapie

Nella ricerca, gli scienziati hanno analizzato i campioni di sangue di 140 pazienti con sclerosi multipla secondariamente progressiva, acquisiti nel corso di un periodo di due anni, e hanno cercato proteine al di sopra dei livelli normali.

Il team ha anche analizzato scansioni del cervello dei pazienti, assieme ai campioni di sangue da 20 controlli sani, e 40 pazienti con altre condizioni mediche a parte da MS.

Hanno scoperto che i livelli ematici di emoglobina “libera” – l’emoglobina che è sfuggita dai globuli rossi – erano significativamente più alti nei pazienti con sclerosi multipla con la maggior quantità di riduzione cerebrale.

I ricercatori hanno calcolato che un aumento del 30 per cento dei livelli di emoglobina libera portava ad un aumento del tasso di riduzione del volume cerebrale dello 0,1 per cento. Questo potrebbe fare una significativa differenza per i sintomi di un paziente.

Il professor Bangham ha spiegato che i risultati sono stati inaspettati: “Siamo rimasti stupiti dai risultati, e siamo rimasti sorpresi dalle dimensioni dell’effetto apparente dell’emoglobina sulla riduzione del volume cerebrale. Nel corso di un certo numero di anni potrebbe avere un impatto significativo sui sintomi di un paziente. ”

Ha aggiunto che i livelli elevati di emoglobina non sono l’unico fattore che porta alla riduzione del volume cerebrale, ma potrebbe dare un contributo significativo.

Gli studi esistenti stanno testando potenziali trattamenti per la SM che assorbono I’eccesso di ferro. Il Professor Bangham si chiede se questo è l’approccio migliore.

“Può essere più efficace studiare il modo di rimuovere l’eccesso di emoglobina nel sangue, piuttosto che di ferro. Ci sono certo numero di farmaci che lo fanno, anche se nessuno è stato utilizzato per la sclerosi multipla “.

Inoltre, il test sull’emoglobina nel sangue non sarebbe utile. Ciò mostrerebbe solo che è in corso una riduzione del volume cerebrale – che sarebbe già rilevabile con una scansione.

Lo studio è stato condotto su pazienti che avevano preso parte ad uno studio clinico, che esaminava l’effetto delle statine sulla SM secondariamente progressiva.

Lo studio ha dimostrato che le statine possono avere un effetto benefico sulla riduzione del volume cerebrale, anche se questo non sembra essere collegato ai livelli di emoglobina ha spiegato il professor Bangham.

“Non siamo ancora sicuri su come funzionano le statine, ma sembrano essere completamente separato dal modo in cui l’emoglobina innesca le riduzioni cerebrali.”

Il team sta ora lavorando su ulteriori studi per confermare i risultati, e per scoprire quali trattamenti possono contrastare gli alti livelli di emoglobina nel sangue.

Fonte: http://www3.imperial.ac.uk/newsandeventspggrp/imperialcollege/newssummary/news_13-12-2016-15-2-44

About the author

Alessandro Rasman, 48 anni, triestino. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico-economico presso l'Università di Trieste; è malato di sclerosi multipla, patologia gravemente invalidante, dal 2002. Per Mediterranews cura una speciale rubrica sulla sclerosi multipla.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com