EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Uomo si suicida in tribunale: Paesi Bassi sotto shock

 Era appena stato condannato a 20 anni di prigione

Una scena da film quella svoltasi oggi all’Aia, presso il tribunale penale internazionale per l’ex-Jugoslavia (ICTY). Slobodan Praljak, 72enne, uno dei sei leader croati della Bosnia-Erzegovina, prima di bere il contenuto di una fiala estratta in quel momento dalla tasca, ha urlato «Praljak non è un criminale». Nel 2013 è stato condannato a 20 anni per crimini a Mostar. L’avvocato dell’imputato ha in seguito dichiarato che il suo cliente, condannato a 20 anni di prigione, «si è avvelenato».  L’udienza, che in quel momento stava condannando sei ex dirigenti e capi militari dei croati di Bosnia, è stata momentaneamente sospesa. Il Tribunale ha confermato la pena di 25 anni di prigione contro l’ex dirigente dei croato-bosniaci Jadranko Prlic. L’uomo, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”si era dichiarato innocente ma i giudici non lo hanno creduto. Tutti e sei i leader politici e militari presenti in aula, sono stati condannati nel 2013 per avere perseguitato, espulso ed ucciso musulmani durante la guerra in Bosnia.

Lecce, 29 novembre 2017                                                                                                                                                                                                  

Giovanni D’AGATA

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com