EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sistemi di videosorveglianza wireless: uno sguardo verso il futuro

ladro1

 

I sistemi di videosorveglianza wireless strizzano l’occhio all’evoluzione tecnologica e ci permettono di fare un bel salto verso il futuro. Dimentichiamoci dunque la miriade di cavi elettrici da collegare e il sistema di telecamere a circuito chiuso controllato da remoto. Con i modelli wireless diventa tutto più snello: basta collegare infatti una presa nei pressi della videocamera e del router del wifi per avere la possibilità di usufruire di molteplici funzioni. Il tutto anche autonomamente e senza l’aiuto di tecnici specializzati. Inoltre, grazie ad apposite App, tutto può essere controllato direttamente da dispositivi mobili come Smartphone e Tablet. In questo modo può essere garantito, anche a distanza, il controllo sia di ambienti esterni (parcheggi, ville private ecc.) che quello di zone interne della casa.

Modalità d’uso dei sistemi wireless

Se si opta per un kit di videosorveglianza IP, va da sé che bisogna fornirsi di una connessione Internet impeccabile. La copertura del segnale infatti dev’essere perfetta, altrimenti si rischia di mandare tutto all’aria andando incontro spiacevoli sorprese. Una volta verificata la copertura, è bene scegliere la migliore posizione possibile per fissare la telecamera. E’ preferibile posizionare l’apparecchio in un punto nevralgico dell’immobile così da monitorare tutto al meglio senza creare un ambiente ostile per via dell’eccesso di telecamere. Soprattutto per le abitazioni private poi, è possibile associare alla videocamera un sistema di allarme wireless che metta in fuga chi tenta di compiere un’effrazione.

Funzionamento delle telecamere IP e altre caratteristiche tecniche

Le videocamere di sorveglianza solitamente hanno la funzione di riprendere l’evento, registrarlo immediatamente e in alcune circostanze inviare un avviso di sicurezza. Le telecamere IP (quelle con connessione Internet) hanno però sistemi di sorveglianza remota che una volta installati permettono di monitorare gli eventi da qualsiasi parte del mondo. Per farlo, peraltro, basta utilizzare il router wifi collegando un semplice cavo alla presa elettrica. Va detto però che alcune telecamere richiedono il collegamento Ethernet: si tratta delle videocamere POE (power over Ethernet) che vanno configurate insieme al router.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, si deve senz’altro dire che la parte più importante è quella che riguarda l’inquadratura e la qualità delle immagini. Avere telecamere che siano settate per la visione notturna (e quindi dotate di raggi infrarossi) è divenuto ormai fondamentale: anche la funzione “motion detection” (sensore di movimento) risulta utilissima per rilevare tutti i movimenti che si registrano all’interno del campo visivo. I sensori rappresentano una parte altrettanto delicata poiché, se non posizionati bene o se mal funzionanti, possono provocare falsi allarmi. Per quanto riguarda le immagini, si possono fare diverse valutazioni in base alla spesa che si intende sostenere. In generale possiamo dire che le telecamere con una risoluzione HD (1280 x 720 pixel) forniscono un’ottima nitidezza e pienezza dell’immagine. Tuttavia bisogna fare i conti con la velocità delle propria connessione Internet, perché altrimenti si rischia di non avere la potenza giusta per supportare le immagini. Anche l’aspetto dell’audio può essere utile da approfondire in certi casi; così si può decidere di utilizzare telecamere con audio bidirezionale, il che prevede l’installazione anche di un altoparlante a supporto.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com