EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Puglia Creativa driver di sviluppo territoriale e settoriale nel rapporto “Io sono Cultura 2018”

Presentato questa mattina a Roma, con la partecipazione del neo Ministro Alberto Bonisoli, il rapporto “Io sono Cultura 2018 – l’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi” redatto dalla Fondazione Symbola e Unioncamere. Una fotografia del sistema produttivo fondato non solo sulla produzione culturale ed il patrimonio storico ma anche sulla capacità, tutta italiana, di trasmettere cultura e bellezza nelle produzioni.

L’industria culturale e creativadichiara il Ministro Alberto Bonisoli, è destinata a divenire una delle protagoniste dell’economia del XX secolo e in questo l’Italiaha un vantaggio competitivo dovuto al suo straordinario patrimonio storico, artistico, archeologico di cui dobbiamo avvalerci a pieno. Moda, design, cinema traggono ispirazione da questo patrimonio, mentre nuove tecnologierealtà virtuale e realtà aumentata trovano concreta applicazione nella sua valorizzazione. Turismo e Made in Italy traggono enormi benefici da questa voglia di Italia che c’è nel mondo e che è nostro dovere promuovere al massimo. Crescita, benessere e cultura devono essere ricompresi in un unico paradigma di sviluppo di cui possiamo divenire modello nel mondo“.

Cultura e creatività sono la chiave di volta in tutti i settori produttivi di un’Italia che fa l’Italia – commenta Ermete Realacci, presidente Fondazione Symbola. Secondo un’indagine della rivista US News e dell’Università della Pennsylvania, siamo addirittura il primo paese al mondo per la influenza culturale“.

Mediamente chi opera nel campo delle professioni culturali e creative possiede un più alto livello d’istruzione – sostiene Ivan Lo Bello, presidente UnioncamerePuntare sulla cultura e sulla creatività significa quindi puntare in alto, su competenze in grado di affrontare la stagione dell’industria 4.0“.

Tra i driver di sviluppo individuati dal rapporto come capaci di generare valore a livello territoriale e settoriale, viene individuata Puglia Creativa. Un importante riconoscimento alla capacità del distretto di tessere una rete territoriale di micro-imprese del settore per consolidare il sistema e creare le condizioni per affrontare le sfide dell’innovazione, dell’internazionalizzazione e della formazione.

I dati del rapporto: Quanto vale in Italia il sistema produttivo culturale e creativo?

Un sistema che cresce e che è capace di generare il 6% della ricchezza nazionaleoltre 92 miliardi di euro, con una crescita del 2% rispetto all’anno precedente ed una effetto moltiplicatore sul resto dell’economia: per ogni euro prodotto in cultura se ne attivano 1,8 in altri settori.

Un sistema che dà lavoro al 6,1% degli occupati, con un tasso di crescita dell’1,6% – superiore alla dinamica del complesso dell’economia che si ferma all’1,1%.
Con il settore delle performing arts a fare da traino sia in termini di crescita di valore aggiunto prodotto (+9,5%), sia in termini di occupazione (+8,7%)
E la Puglia? Cresce anche l’economia della cultura pugliese

La cultura e la creatività pugliese generano 2,75 miliardi di euro annui, pari al 4,2% dell’intera economia regionale, con una crescita rispetto all’anno precedente del 4%, un tasso doppio rispetto alla media nazionale. Dà lavoro a 60.000 lavoratori pari al 4,3% sul totale dell’economia regionale registrando una crescita del 3,7% – più del doppio del tasso medio nazionale.
Ancor più interessanti le performance di visitatori e di incassi nei musei e aree archeologichela Puglia con il suo tasso di crescita del +19,5% è seconda solo alla Liguria +26%.
Altro dato molto positivo, l’impatto del sistema produttivo culturale e creativo sulla spesa turistica: Lecce è tra le prime 20 province, classificandosi al 17° posto con una performance di oltre 439 milioni di euro.
Dati incoraggianti che confermano come la strategia e gli sforzi del Distretto Puglia Creativa, finalizzati alla creazione delle condizioni per lo sviluppo ed il consolidamento delle imprese pugliesi, vadano nella direzione giusta.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION