EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

ARCHI E SONORITÀ ELETRICHE, AL CIVICO DI SASSARI SUONA IL LUIGI FRASSETTO DOUBLE QUARTET

VENERDÌ LA PRESENTAZIONE DAL VIVO DEL PROGETTO MUSICALE DI ISPIRAZIONE CINEMATOGRAFICA

Grande appuntamento con la musica d’autore made in Sassari al teatro Civico di corso Vittorio Emanuele IIVenerdì 11 gennaio alle 20.30debutta in città il Luigi Frassetto Double Quartet con 33 1/3, performance live dedicata all’esordio discografico del musicista, autore e compositore Luigi Frassetto e del suo ensemble in cui lo storico quartetto elettrico da lui guidato si incontra con un quartetto d’archi. Un esperimento riuscitissimo, che ha incontrato il favore unanime di critica e addetti ai lavori e già la scorsa estate ha incantato il pubblico di Alghero in occasione di Cinema delle terre del mare, il Festival internazionale di cinema indipendente promosso da Società Umanitaria Alghero. Attivo da anni sulla scena underground italiana e britannica, Frassetto e le sue chitarre saliranno sul palco insieme a  Marco Testoni alle tastiere e al thereminGianni Lubinu al basso e Lorenzo Falzoi alla batteria. Lo storico gruppo incontrerà il quartetto d’archi composto da Alessio Manca al violinoFrancesca Fadda al violinoGioele Lumbau alla viola e Francesco Abis al violoncello.

Sarà un concerto dalle forti tinte cinematografiche, ispirato alle atmosfere presenti nel nuovo album, un melange sospeso fra tradizione melodica e avanguardia, con tocchi di lounge, new jazz e psichedelia, caratterizzato da una decisa impronta d’autore e impreziosito da una delle sezioni d’archi più apprezzate della Sardegna e dalla presenza di ospiti speciali. Il Double Quartet è il risultato dell’ultimo anno di produzione di Luigi Frassetto, che presenterà alcuni arrangiamenti strumentali rielaborati per quello che si annuncia un vero e proprio happening musicale ricco di sorprese per gli ascoltatori. Tra queste le partiture musicali per Ananda, il nuovo lungometraggio del registasassarese Stefano Deffenu, la colonna sonora di A chent’annos, il corto del regista Antonio Maciocco, e una composizione inedita che si spinge verso la scrittura più intima ed evocativa del musicista.

33 1/3 arriva cinque  anni dopo l’ep di debutto, The R. J. Sessions, e sarà disponibile in digitale e in una speciale edizione in vinile a tiratura limitata con  la copertina curata da Adam Juresko. Il lavoro contiene una selezione di temi composti dall’autore per una serie di produzioni filmiche – due lungometraggi più una serie di corti – tra il 2013 e il 2017. Tra sonorità accattivanti e atmosfere fortemente evocative si materializzano registrazioni sul campo, vibrafoni, moog e microsolchi vintage che trasformano l’esperienza dell’ascoltatore in un vero e proprio happening auditivo adatto al pubblico di diverse generazioni. In questo nuovo progetto un’alchimia di new lounge, jazz, rock e psichedelia incontra la melodia degli archi, senza trascurare il mood dell’azione e dell’ambiente proprio della cinematografia, diventando elemento strutturale di un film come la sceneggiatura e la fotografia.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com