EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Qual’è la domanda? Scrivo dunque sono

Massimo Medola – pallet scritto da Chiarlone 30.11.2018

Come ho già scritto qualche giorno fa, lo scrivere è una risposta. Ma qual è la domanda? Forse si scrive per capire quale possa essere la domanda? Scrivo dunque sono [uno scrittore?]. Quando scrivo sogno o son desto? Prima penso e poi scrivo o viceversa? Quando scrivo non sono più io; allora come mi firmo?

Scrivere è un modo di comunicare. Ma se non mi legge nessuno, a chi comunico? Prima di scrivere bisogna cercarsi i lettori? Non vorrei scrivere a vuoto.

La mia scrittura è come un viaggio senza prenotazione: so come comincio ma non so dove andrò a finire. Si scrive anche di quello che non si conosce? Quando si comincia a scrivere la pagina è tutta bianca. Dopo un po’ è piena di righe che mi distraggono. All’inizio ho tutto chiaro in testa, poi scrivendo comincio a farmi delle domande. Ma non trovo mai le risposte.

Che sia già bello farsi delle domande difficili? A volte ho troppe mappe da consultare che non mi decido mai a iniziare il viaggio. Allora scrivo.

È più utile che nella nostra scrittura prevalga la volontà di scrivere seguendo una linea ben precisa nella narrazione oppure che ci si lasci trasportare dalle suggestioni delle parole e delle situazioni di cui si narra? Ovvero che debba seguire l’ispirazione la quale si trova sulla via mediana tra le due condizioni?

Bruno Chiarlone Debenedetti

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com