EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Artisti Pop Calicesi a Milano in mostra al Palazzo della Regione

C’è anche un po’ di Calice Ligure nella bella collettiva inaugurata proprio ieri pomeriggio a Milano, a Palazzo Lombardia. Fra gli artisti protagonisti della Pop Art milanese negli anni Sessanta e Settanta ci furono infatti diversi artisti legati per varie ragioni a Calice.

Con grande soddisfazione- ci ha detto Daniele Decia, noto gallerista calicese- ho potuto constatare che questa ricca collettiva presenta numerose opere di alcuni degli artisti che hanno reso Calice, per più di venti anni, una delle grandi capitali artistiche e culturali italiane. Mi riferisco a Bertini, De Filippi, Mariani, Sarri, Stefanoni e Spadari dei quali sono esposte alcune significative creazioni”.

La mostra, che è ospitata negli spazi espotivisi della sede della Regione Lombardia ed è intitolata: “ “Milano Pop. Pop Art e dintorni nella Milano degli anni ’60/’70”, è stata curata da Elena Pontiggia. “La mostra- spiega la stessa curatrice- indaga come gli artisti italiani, ed in particolare quelli milanesi, abbiano interpretato questa tendenza, sullo sfondo di un’ Italia inquieta che, da un lato conosceva il boom economico e dall’altro si avvicnava ai tempi bui degli anni di piombo”. Il percorso espositivo si snoda in diverse sale ed è rivolto a presentare i più significativi artisti che negli anni Sessanta e Settanta sono stati i protagonisti milanesi della Pop Art. Attraverso una cinquantina di lavori, molti dei quali inediti, la mostra cerca di offrire uno spaccato di quel mondo e di quelmovimento artistico che seppe esprimere meglio di tanti altri icone e contraddizioni della società contemporanea. Sono presenti opere di Mario Schifano, Tano Festa, Mimmo Rotella, Giosetta Fioroni, Valerio Adami, Enrico Baj, Paolo Baratella, Gianni Bertini, Fernando De Filippi, Lucio Del Pezzo, Umberto Mariani, Sergio Sarri, Giangiacomo Spadari, Tino Stefanoni ed Emilio Tadini. La mostra, che è anche presente su Facebook, alla pagina MostraMilanoPop, si propone inoltre di indagare il rapporto tra gli artisti POP “milanesi” con quelli romani, gli esponenti della Scuola di Piazza del Popolo, che annovera artisti del calibro Mario Schifano, Giosetta Fioroni, Tano Festa e Franco Angeli che erano soliti riunirsi a Roma, al Caffè Rosati, o alla Galleria La Tartaruga. Da segnalare il bel catalogo della stessa Elena Pontiggia e l’interessante documentario, con varie testimoninze di quegli anni, realizzato da Stefano Sbarbaro e prodotto da TVN Media Group Arte e Cultura. La collettiva, che rientra nel programma eventi di “Milano Art Week 2019, è visitabile fino al 29 maggio con il seguente orario:dal lunedi al venerdì dalle ore 11 alle 19; il sabato e la domenica dalle 15 alle 19. Infine va ricordato che un evento di rilievo accompagnerà la mostra, per tutta la sua durata: si tratta della mostra “Cinema Pop” che sarà inaugurata il 10 aprile alla Galleria Robilant+Voena, in collaborazione con le Associazioni Sergio Sarri e Giangiacomo Spadari. In mostra ci saranno numerose opere di questi due artisti che offriranno l’ opportunità agli amanti dell’arte ed ai visitatori di verificare direttamente quanto quei due attenti protagonisti della Pop Art milanese abbiano attinto ispirazioni dal cinema.

                                                                                                                               CLAUDIO ALMANZI

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com