EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Reinterpretare risultati ed esiti in maniera nuova

A seconda dell’ora le impressioni che si hanno sono differenti: non è questione di luna o di configurazione astrale, è piuttosto conseguenza di testa e di stato d’animo, di senso del consueto o di spazio lasciato alla fantasia che costruisce a partire da pochi resti recuperati con sguardi mirati.

La disposizione a reinterpretare risultati ed esiti in maniera nuova può dare altra linfa allo sviluppo di belle storie vive; bisognerebbe uscire e completare quel passeggio quotidiano utile per far muovere le cose credute ferme, sbalzarle giù dai tavolini dei bar mentre si passa, sono tutte a disposizione con quel tanto di misterioso e di oscuro, proprio adatte al libro che si sta scrivendo da solo tra l’ingresso del paese e la piazza principale.

Il nastro del già visto scorre lentamente all’indietro per trovare ancora qualche aspetto non approfondito a dovere: la luce dello sguardo, del mio sguardo, passa con attenta innocenza e molta disponibilità a inventare. Si alzino le preziose ciglia e si inarchino le scure sopracciglia di ognuno, che si faccia fotografare, per aiutare gli sguardi attenti a recepire ogni utile apporto alla personale conoscenza, le bocche si aprano con stupore o si serrino per l’impegno profuso.

Non mi vengono in aiuto e le storie intrecciate che ho vissuto mostrando sulla carta solo il lato banale delle situazioni; sembra che la mia scrittura e quello che vivo nella vita reale si trovino su piani diversi, incomunicabili: i suoi due aspetti non si incontrano mai, rimangono protetti nella mia memoria personale o nei libri poco letti; non è tempo di bilanci provvisori e nemmeno di ricerche approfondite sui libri scritti e conservati negli scaffali, perché ogni tempo modifica i suoi puntamenti, si orienta in posizione diversa come una macchina lanciapiattelli che non sai mai verso dove andrà a lanciare.

La prima legge di Newton o di inerzia e la legge di galleggiabilità se la buttiamo in acqua; infatti, secondo Archimede, sposterà un volume di liquido equivalente al suo peso ed avrà di conseguenza una spinta idrostatica. Sarà sottoposta alle leggi fisiche di torsione, stiramento o elasticità e quindi la legge di Hooke, pressione, rottura; la legge sull’orientamento dei punti cardinali, le leggi della dinamica.

Poi ci sono argomenti che vorremmo approfondire e spiegare ma non riusciamo ad argomentarli nel modo corretto: sono oscuri anche a noi e intrecciati ad altre situazioni pertanto non riusciamo ad estrapolarli e presentarli come meriterebbero. Poi ci sono argomenti che andrebbero sempre confrontati, elaborati in condivisione, si dovrebbero sempre tirarli fuori e dispiegarli con cognizione di causa come la libertà, la democrazia, la scelta politica, il rapporto con i meno abbienti, la fratellanza, l’amicizia.

La disposizione a reinterpretare risultati ed esiti in maniera nuova può dare altra linfa allo sviluppo di belle storie vive; bisognerebbe uscire e completare quel passeggio quotidiano utile per far muovere le cose credute ferme, sbalzarle giù dai tavolini dei bar mentre si passa, sono tutte a disposizione con quel tanto di misterioso e di oscuro, proprio adatte al libro che si sta scrivendo da solo tra l’ingresso del paese e la piazza principale.

Bruno Chiarlone Debenedetti

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com