EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Oristano Misure cautelari per maltrattamenti in famiglia

La Squadra Mobile della Questura di Oristano, coordinata dalla locale Procura della Repubblica e operando in sinergia con la Stessa, nell’ambito di attività finalizzate alla prevenzione e repressione dei reati di genere, sulla scorta delle nuove disposizioni introdotte a seguito dell’entrata in vigore del c.d. “Codice Rosso”, ha dato esecuzione, nella serata di ieri, ad una misura cautelare emessa dalla GIP di Oristano a seguito di maltrattamenti in famiglia posti in essere da un coniuge ai danni della moglie e dei figli minorenni.

Nei confronti dell’insospettabile cinquantenne, residente in città, è stata disposta la misura dell’allontanamento dalla casa familiare, nella quale abitava con moglie e figli da oltre 15 anni.

Nell’arco del tempo la donna ha sempre avuto timore di denunciare quanto avveniva all’interno delle mura domestiche, giustificando di continuo ecchimosi e lividi con incidenti domestici, questo sino a qualche giorno fa, quando, a seguito dell’ennesima aggressione subita dal marito, la donna è stata costretta a recarsi al Pronto Soccorso del locale nosocomio dove le è stata suturata una brutta ferita.

A seguito del ricovero e del contestuale avvio delle indagini da parte della Squadra Mobile, la Procura della Repubblica ha subito attivato le procedure previste dal “codice rosso”, grazie alle quali, in brevissimo tempo, è stato possibile applicare all’uomo la misura cautelare.

Solo qualche giorno fa gli stessi agenti avevano eseguito un fermo di indiziato di delitto a carico di un esponente delle forze dell’ordine ritenuto anch’esso responsabile di maltrattamenti ai danni della moglie.

Il fermo è stato poi convalidato dal GIP che, sulla base degli elementi forniti dalla Procura, ha disposto la permanenza in carcere del militare.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com