EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sa Ruga Vico VI – Festival Internazionale di arti di strada

In custa santzainedda manna chi est sa vida santziaus de s’allirghia a sa tristura, de su sbèntiu a su pentzamentu, de sa siguresa a sa duda.

Fatu fatu tocat a si castiai a faci. Tocat a si ponni a faci a pari. Cun nosu etotu, cun un’amigu, cun is bisus o cun su tempus colau. Chene caratza nì murus, teneus abisòngiu e timoria de si castiai.

A is bortas s’isprigu est su prus mannu nostru nemigu.

Cosa de macus! Tanti no est berus chi si serbit ònnia di’ po si pintai innantis de nci bessiri, maladitus, sèmpiri bregungiosus de su faciapari cun nosu e cun is àterus!

Abetendi s’ora.

Comenti faint duus trapetzistas chi si ponint paris po fai su passàgiu e funt totu pigaus po no mancai s’atacu, aici sa vida, fatu fatu, fait a manera chi si potzaus ponni paris e a faci a pari, pagu pagu. E alloddu su tempus de si nd’arriri, de scapiai totu is sentidus, de pigai parti in cambarada manna a un’atòbiu prenu de allirghia chi si fait sartai de custa saintzanedda a su nudda, po si fai arrui in un’arretza de sarvamentu.

E intzandus ddu cumprendis ca sa ‘jam’ est bessia beni, e atesu intendis su carraxu de su tzocamanus acostiendisì.

Su tzocamanus est po bosàterus chi seis bolendi cun nosu e si faeis fai custa acrobatzia.

 

Mirko Ariu

Traduzione Cristian Urru

 

Il Festival

 

Torna la magia del  Festival Sa Ruga, il festival internazionale dedicato alle arti circensi e di strada più importante della città. Per tre giorni Cagliari diventa una città teatro e il quartiere di Stampace un circo a cielo aperto. Un vagabondaggio artistico che ha lo scopo di portare il pubblico ad emozionarsi , ridere, gridare di gioia e di stupore, abbandonare il corpo e la mente in una risata collettiva, ballare e rincontrarsi in quel meraviglioso luogo di tutti che è la strada. Sa Ruga non è solo una rassegna di spettacoli di circo e teatro di strada! Chiunque passerà  a Cagliari durante Sa Ruga non solo vedrà una città piena di spettatori sorridenti, ma ha avrà una visione nuova della città, capace finalmente di valorizzare le sue ricchezze attraverso l’arte in un contesto familiare e conviviale, per dirlo in una parola semplice: popolare.

 

Il Programma

Venerdì 18 e sabato 19 dalle 17,00 alle 24,00 piazze, vie, vicoli, angoli suggestivi della città diventeranno 10 punti spettacolo in cui si alterneranno le 13 compagnie ospiti del Festival. A ospitare il festival Sa Ruga sarà sempre il quartiere storico di Stampace le cui chiese e monumenti faranno da scenario agli spettacoli in programma: Via Azuni, Via Sant’ Efisio, Via Santa Restituta, Corso Vittorio Emanuele II tra le vie interessate dal festival. Ogni postazione avrà una programmazione personalizzata che dal pomeriggio vedrà in scena all’incirca uno spettacolo all’ora. Lo spettatore potrà vagare, mappa alla mano, tra le vie e le piazze del quartiere e farsi travolgere dalle coinvolgenti street parade, spettacoli e dalle incursioni artistiche in programma . Domenica 21 sarà dedicata al Gran Cabaret “A si biri” alle h 17,00 nella splendida tribuna urbana della gradinata di Sant’Anna.

Tra gli artisti in scena per la sesta edizione, il festival propone: Niño Costrini (ARG) pagliaccio eccentrico;  Mr. Spark (ES) clownerie e manipolazione; La Sbrindola(IT) Freak shock show; Fra Martò (IT) isolation circle e giocoleria “casalinga”; Elien Rodarel (FR) danza contemporanea e trapezio; Luigi Mosso (IT) musica da mondi paralleli; Gaspar Perissinotti (ARG) domatore di  boomerang; Agostino Cacciabue (IT) marionette e teatro di figura; Los Gonzalos (IT) giocoleria comica; Flamenco de la plaza (ES) musica e danza flamenca; Osvaldo Carretta (IT) Clown imbonitore di folle ; Fabrizio Solinas (IT) giocoleria antropomorfa ; Andrea Flirst (IT) collage urbani.

 

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com