Italia

Oristano: esercitazione incendio a bordo

ARCHIVIO

ESERCITAZIONE DELLA CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO. INCENDIO A BORDO DI UNA NAVE ORMEGGIATA IN PORTO. VERIFICATE PROCEDURE PREVISTE DA PIANI ANTINCENDIO E DI SECURITY

Nella giornata di ieri, 26.11.2018, sotto il coordinamento della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Oristano, è stata effettuata una esercitazione nel porto di Oristano, volta a verificare l’idoneità delle disposizioni previste nei piani antincendio e di security portuale.

In particolare, è stato simulato un incendio, in coperta della nave cisterna denominata “VULCANELLO M.”, battente bandiera italiana, ormeggiata presso il pontile della IVI Petrolifera. La Sala Operativa della Capitaneria di porto di Oristano / Guardia Costiera ha assunto assetto d’emergenza ed ha immediatamente contattato per l’invio sul posto il proprio personale di terra ed imbarcato a bordo della M/V SAR CP 893, unitamente ai Vigili del Fuoco, al personale del 118 e dei servizi tecnico-nautici (piloti, ormeggiatori e rimorchiatore portuale) ed al consulente chimico di porto.

Il personale dei VV.F., prontamente intervenuto a bordo della nave, congiuntamente alla squadra antincendio di bordo, ha domato l’incendio in circa 15 (quindici) minuti, coadiuvato dal rimorchiatore portuale Pina Onorato, che ha attivato le dotazioni antincendio per raffreddare le paratie della nave.

Successivamente, dalle verifiche esperite il personale di bordo ha individuato un ordigno esplosivo nell’area in cui è scoppiato l’incendio.

Prontamente, sono state attivate le procedure di security previste nelle relative pianificazioni e la Sala Operativa della Capitaneria di porto di Oristano / Guardia Costiera ha richiesto l’’intervento della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Prontamente è stata, altresì, informata la Prefettura di Oristano ed è stato concordato di innalzare il livello di sicurezza del porto di Oristano, portandolo da 1 (uno) a 3 (tre).

A cascata, i responsabili della sicurezza degli impianti portuali insistenti sullo scalo oristanese hanno provveduto ad attuare le procedure previste dai rispettivi “Piani di security portuale”.

L’intervento degli artificieri e delle unità cinofile della Polizia di Stato ha permesso di verificare che non vi fossero ulteriori ordigni a bordo.

Non si sono rese necessarie manovre d’emergenza della nave incendiata, per le quali piloti ed ormeggiatori erano, comunque, pronti.

L’esercitazione ha confermato il funzionamento dell’organizzazione di pronto intervento coordinata dalla Capitaneria di porto e gli elevati livelli di preparazione ed addestramento del personale di tutte le pubbliche autorità intervenute e degli operatori portuali, evidenziando tempi di reazione veloci e comunicazioni di emergenza tempestive ed efficaci, garanzia di risposta rapida ed adeguata all’evento ipotizzato. Ultimata l’esercitazione, il Capo del Compartimento Marittimo ha disposto il ritorno al livello di security 1 (uno).

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close