EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

La mostra Thūmós, tra coscienza e incoscienza Daniela Frongia in mostra al THotel

Daniela Frongia Dettagli

Un nuovo ciclo di mostre installative dal titolo ‘Incoscienza‘  realizzato dal network di artisti hOMe sarà protagonista all’interno del THotel tra febbraio e settembre 2020.  L’intero progetto – coordinato dal gruppo interno all’Urban Center di Cagliari coadiuvato dalla struttura artistico-culturale del gruppo Cualbu – prevede la creazione di tre installazioni temporanee ed il coinvolgimento di tre artisti e tre curatori del network.

Il tema trattato è quello della coscienza. 

 

Ogni coppia di artista-curatore ha il compito di scegliere una delle infinite tematiche legate al concetto di coscienza. 


Si comincia giovedì 20 febbraio con Daniela Frongia, fiber artist di San Gavino che crea opere tessili intime e intense, e l’installazione intitolata Thūmós.

—–
TESTO CRITICO (di Daniele Gregorini). 

 

L’intera ricerca artistica di Daniela Frongia indaga gli aspetti più profondi della realtà. Le sue opere non nascono per rappresentare ma per essere, sono lo strumento dell’artista per rendere tangibili pensieri ed emozioni, in queste, il lungo processo di creazione coesiste con la resa finale. Il suo lavoro si concentra su vari ambiti sperimentali, quali la Fiber Art, l’Arte Relazionale, L’Arte Pubblica, L’Arte Sociale, la Psicologia dell’Arte, l’Arte Performativa e la Street Art. Ora l’argomento d’indagine è la coscienza e la sua dinamica di costruzione. “Thūmós è un’opera inedita,“anima emozionale” in greco antico. La parola indica un’associazione fisica con il respiro o col sangue, è usata anche per esprimere il desiderio umano per il riconoscimento. Il Thūmós è quindi la “mente”, la “coscienza” dell’uomo che si interroga, ma anche lo spirito vitale e la sede delle emozioni. L’installazione site-specific esprime il processo di creazione della coscienza. La visione è quella di un corpo vivo che cresce grazie all’incessante apporto di singoli elementi fluttuanti ed in dialogo tra loro. I moduli sono bianchi, sinonimo di luce e propensione alla conoscenza; simili ma diversi tra loro, nascono dalle esperienze, si traducono in emozioni diventando coscienza.  Sono costituiti da scheletri sottili e si presentano arricchiti da flussi interiori di filo, morbido e fragile che si armonizza con il ferro, elemento portante e mai rigido, attraverso la delicatezza di una tessitura che accentua il vuoto di un nucleo che non ci è mai concesso vedere.

—–
Inaugurazione, giovedì 20 febbraio ore 19. Ingresso libero. Esposizione visitabile tutti i giorni sino al 5 aprile.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com