Economia

Il primato italiano delle vending machine

In tutta Europa, il nostro Paese vanta il record di vending machine: i classici distributori automatici, insomma, che non servono solo alla somministrazione di alimenti e bevande ma sono anche luoghi di socializzazione. Gli spazi in cui tali macchine vengono collocate, infatti, offrono l’occasione per chiacchierare, per discutere e per confidarsi. Come dire: la pausa caffè non serve solo per ricaricare le batterie con una bevanda che dia energia, ma è utile anche per confrontarsi e, magari, per fare gossip. Fermo restando che, oltre al caffè, le macchinette vendono anche molto altro, con un assortimento di prodotti decisamente ampio ed eterogeneo che spazia dagli snack salati alle brioche, dalle patatine alle barrette energetiche, dalla frutta secca al cioccolato, dalle schiacciatine alle bevande gassate.

L’innovazione nel settore

Il livello tecnologico dei distributori automatici sta crescendo sempre di più: il merito non è solo degli schermi touch, ma anche delle app di pagamento. Sono sempre più numerosi, secondo una ricerca di Confida Nextp, gli utenti che vorrebbero servirsi della carta di credito o di una app dedicata per provvedere al pagamento. Gli strumenti digitali in questo ambito, però, sono apprezzati soprattutto al Nord, mentre al Sud 6 utenti su 10 affermano di preferire ancora il contante.

I numeri in Italia

Il 74 per cento degli italiani nel corso del 2019 ha usato un distributore automatico almeno una volta; tra coloro che non se ne sono serviti, la percentuale più elevata è quella degli over 55, che hanno spiegato di preferire consumare bibite e snack da altre parti o semplicemente di non aver avuto l’opportunità di usufruire di una macchinetta di questo tipo. Spulciando tra le risposte fornite dal campione preso in esame si scopre che in quasi 7 casi su 10 i distributori vengono sfruttati non meno di una volta a settimana; nel 30 per cento dei casi si sale a 2 o 3 volte a settimana e nel 27 per cento addirittura tutti i giorni.

La fruizione dei distributori automatici

Come è facile immaginare, il luogo in cui le vending machine vengono sfruttate più di frequente è il posto di lavoro, indicato dal 47 per cento delle persone che hanno preso parte alla ricerca; nel 29 per cento dei casi, invece, si fa riferimento ai luoghi di attesa. La velocità e la comodità sono le caratteristiche più importanti per cui i distributori automatici vengono apprezzati e utilizzati: essi, infatti, offrono tutto quello di cui si ha bisogno per una pausa rapida.

Perché si utilizzano i distributori automatici

Nel 14 per cento dei casi si ricorre ai prodotti delle vending machine quando si ha fame e ci si vuol concedere uno spuntino ma non si è portato nulla da casa; nel 36 per cento, invece, essi vengono scelti quando non si ha tempo per lasciare il posto di lavoro. Un altro 14 per cento dichiara di servirsi dei distributori per approfittare della loro velocità, mentre per l’11 per cento lo scopo è solo quello di godersi la pausa caffè. Nel 58 per cento dei casi, i prodotti messi a disposizione garantiscono il livello di soddisfazione auspicato, e 7 persone su 10 segnalano che negli ultimi tempi è migliorata la qualità del caffè che viene proposto ai distributori.

World Matic e i distributori automatici a Roma

Cliccando su https://www.world-matic.com/ si ha la possibilità di scoprire la realtà di World Matic, azienda che si occupa della distribuzione delle vending machine. Tecnologia e innovazione sono le doti dei dispositivi installati da World Matic, che garantisce un servizio completo e affidabile. I distributori possono essere concessi in comodato d’uso gratuito ed eventualmente personalizzati in base alle esigenze che devono essere soddisfatte dai clienti.

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close