Comunicati Stampa

Coronavirus, Scuola: Save the Children, didattica a distanza centrale nel nuovo decreto sulla valutazione di fine anno, raggiungere subito centinaia di migliaia di bambini e ragazzi disconnessi

Coronavirus, Scuola: Save the Children, didattica a distanza centrale nel nuovo decreto sulla valutazione di fine anno, raggiungere subito centinaia di migliaia di bambini e ragazzi disconnessi a rischio deficit di apprendimento e motivazione allo studio

Il mancato accesso alla didattica a distanza grave rischio per i minori che vivono nei contesti svantaggiati. Immediatamente necessario utilizzare l’anagrafe nazionale dello studente per individuare e raggiungere gli studenti disconnessi con azioni immediate di sostegno, attraverso un forte patto di collaborazione tra scuole, famiglie, enti locali, terzo settore, organizzazioni locali di protezione civile.   

Alla luce del decreto scuola approvato oggi dal Consiglio dei Ministri, che fissa i termini della valutazione conclusiva degli studenti per l’anno scolastico in corso, la didattica a distanza non può ancor di più essere considerata una parentesi, ma al momento l’unica possibilità per i ragazzi di esercitare il proprio diritto allo studio, non potendo prevedere se e quando si potrà fare ritorno in classe, con un grave rischio per centinaia di migliaia di studenti finora esclusi dall’accesso alle lezioni online.

“Siano di fronte al rischio concreto di un forte aumento della povertà educativa, già tanto presente oggi nel nostro Paese. Oltre alla perdita di apprendimento, il mancato accesso alla didattica per i bambini e degli adolescenti che vivono nei contesti più svantaggiati si può tradurre nella perdita di motivazione e in un isolamento che facilmente può portare all’aumento della dispersione scolastica, che già oggi in Italia raggiunge ben il 14,5%,” ha dichiarato Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia Europa di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

“Chiediamo con urgenza al Ministero di procedere all’immediato aggiornamento dell’Anagrafe nazionale degli studenti perché vengano censiti tutti i bambini e ragazzi oggi disconnessi dalla loro classe e si attivi ogni sforzo per raggiungerli, perché nessun bambino sia lasciato indietro. Il sistema scolastico non può essere lasciato da solo in questo impegno, è necessario promuovere subito un patto di collaborazione tra scuole, famiglie, enti locali, terzo settore, organizzazioni locali di protezione civile, per fare in modo che tutti gli studenti oggi esclusi ricevano i dispositivi (pc o tablet) e dispongano di una connessione internet, investendo subito le risorse già stanziate e realizzando intese territoriali per l’accesso gratuito al wifi. Riteniamo necessario inoltre garantire, quando necessario, un accompagnamento personalizzato per quei bambini e ragazzi che ne hanno più bisogno, perché non hanno accanto familiari che possano sostenerli nei primi passi della didattica on line o hanno famiglie di origine straniera, prevedendo la figura di un tutor che affianchi i ragazzi nello studio, attraverso una stretta collaborazione tra scuole e terzo settore. Siamo certi che le reti associative e di volontariato sono pronte a sostenere fattivamente l’impegno delle scuole, anche attraverso questa disponibilità”, continua Raffaela Milano.

“Dall’altro lato, anche a partire dalle Linee guida già emanate dal Ministero, è urgente che tutte le scuole si attrezzino per riuscire a raggiungere i ragazzi con una didattica a distanza di qualità. Moltissime scuole in questi giorni, anche partendo da zero, hanno fatto passi da gigante in questa direzione, grazie alla creatività e all’impegno dei docenti. E’ fondamentale oggi che uno standard qualitativo di didattica a distanza venga raggiunto da tutte le scuole, senza eccezioni, considerando che fare didattica a distanza non può significare mandare elenchi di compiti da svolgere o fare lezioni frontali, ma mettersi alla prova in una dimensione educativa nuova, a partire dall’ascolto e dal coinvolgimento del gruppo classe.” conclude Raffaela Milano.

La didattica a distanza e il supporto dei bambini più vulnerabili sono al centro del programma “Non da soli” lanciato da Save the Children in risposta all’emergenza coronavirus, che prevede anche interventi a sostegno delle neo e future mamme e dei minori stranieri non accompagnati tra gli altri, e che ha già raggiunto più di 20.000 persone tra bambini e adolescenti, famiglie vulnerabili e docenti, lavorando costantemente attraverso tutti i suoi progetti e una rete di 41 associazioni partner sul territorio italiano. Il programma ha previsto il riadattamento di tutti i progetti già attivi sul territorio italiano e nuove iniziative dedicate soprattutto ai minori più vulnerabili, che vivono nei contesti più svantaggiati e di marginalità sociale, esposti alle conseguenze della crisi economica che colpisce le loro famiglie e all’aumento delle disuguaglianze educative dovute all’allontanamento dalla scuola e alle disparità nell’accesso alla didattica a distanza.

Per sostenere studenti e scuole, l’Organizzazione è impegnata nella distribuzione di 750 tablet e connessioni gratuite ai bambini e ai ragazzi delle famiglie più in difficoltà, per consentire loro di seguire le attività scolastiche a distanza e partecipare ad altre attività educative al di fuori dal contesto scuola. Dispositivi che vengono accompagnati da guide e tutorial in più lingue rivolti alle famiglie per un uso sicuro e consapevole del web. Oltre ai tablet, viene anche distribuito materiale didattico e di gioco educativo, come libri, materiale per il disegno e puzzle, per i bambini più piccoli, mentre proseguono, attraverso le piattaforme web e le nuove tecnologie, anche le numerose attività educative extrascolastiche dei centri territoriali di Save the Children in tutto il Paese, dai Punti Luce ai centri Fuoriclasse contro la dispersione scolastica sino agli Spazi Mamme. Sostegno allo studio, laboratori ludico-didattici, musica, arte e disegno sono solo alcune delle tante attività extrascolastiche con le quali bambini e adolescenti, assieme agli operatori dell’Organizzazione, continuano a cimentarsi, anche a distanza, per prevenire la perdita dell’apprendimento.

Attraverso il progetto Fuoriclasse e la Rete Fuoriclasse in Movimento, che coinvolge 170 scuole in tutta Italia, e in collaborazione con l’Università di Milano-Bicocca, l’Organizzazione ha inoltre lanciato un intenso percorso di sostegno alle scuole con webinar e corsi online rivolti a docenti di scuole primarie e secondarie di primo grado per promuovere una didattica a distanza inclusiva e di qualità, oltre a un servizio di tutoraggio delle scuola nelle operazioni di avvio della didattica online. E allo stesso modo, nell’ambito della campagna #LaScuolaAiutaLaScuola di TuttoScuola, l’Organizzazione ha attivato veri e propri gemellaggi tra scuole per supportare quelle maggiormente in difficoltà nel campo della didattica digitale.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close