Un mare di ricette

I fiori di zucca ripieni di primo sale, come prepararli

I fiori di zucca ripieni di primo sale sono un secondo vegetariano. Vi proponiamo la nostra ricetta dei fiori di zucca ripieni di primo sale, un formaggio fresco e morbido.

I fiori di zucca ripieni di primo sale

Il primo sale è un formaggio fresco dal sapore delicato. Morbido e non stagionato si può gustare da solo oppure condito con olio e pepe. Il primo sale è ideale per condire pasta e riso, per le insalate o per arricchire minestre e zuppe.
I fiori di zucca coltivati in serra si trovano in commercio durante tutto l’anno. Per pulirli è sufficiente passarli, delicatamente, con uno strofinaccio inumidito. Nella cucina tradizionale italiana vengono soprattutto farciti e fritti ma sono ottimi anche per condire dei primi piatti.

I fiori di zucca ripieni di primo sale

Ecco come preparare il nostro secondo.
Ingredienti:
6 fiori di zucca freschi
150 grammi di farina
½ cubetto di lievito di birra fresco
olio per fritture
sale
noce moscata
100 grammi di formaggio primo sale
1 manciata di olive snocciolate
Mondiamo i fiori di zucca eliminando la parte finale del gambo; con delicatezza allarghiamo i petali e rimuoviamo il pistillo. Passiamo su tutti i fiori uno strofinaccio morbido ed inumidito. In una terrina capiente setacciamo la farina; a parte sciogliamo il lievito in poca acqua tiepida.
Versiamo l’acqua col lievito nella farina, lentamente  e mescolando. Giriamo bene, copriamo la ciotola e mettiamo in frigorifero a riposare per circa 20 minuti. Tagliamo a rondelle le olive ed il formaggio a cubetti; condiamolo poi con un pizzico di noce moscata.
Allarghiamo, con cautela, i fiori e farciamoli ma non completamente per evitare che il formaggio fuoriesca durante la cottura.
In una padella scaldiamo abbondante olio. Immergiamo i fiori nella pastella e giriamoli, in modo che si ricoprano bene. Adagiamoli nell’olio e dopo qualche minuto giriamoli. Appena diventano dorati scoliamoli e passiamoli nella carta assorbente. Saliamo e serviamo.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close