Salute

Trapianto di capelli: quali sono i pro e i contro?

Quando si decide di fare un trapianto di capelli non bisogna mai trascurare un’attenta valutazione dei pro e dei contro, come del resto si fa per ogni operazione di microchirurgia.

 

Le statistiche indicano che il trapianto di capelli ha elevatissime percentuali di successo, migliorando la vita di molti pazienti che vi si sottopongono.

 

Restano comunque due fattori da tenere in mente prima di procedere verso un intervento di questo tipo: l’alopecia androgenetica non può essere fermata e le cliniche che non rispettano gli standard di qualità minimi. A questo proposito possono essere molto utili le recensioni di chi ha già fatto il trapianto: vedi qui le testimonianze.

 

I pro del trapianto di capelli

Il primo aspetto positivo del trapianto di capelli è che si tratta di una soluzione definitiva. Potrebbe esserci una leggera perdita negli anni che seguono il trapianto, ma questa non sarà importante. Quindi l’operazione non dovrà essere ripetuta, diversamente da come avviene nel caso di trapianto di capelli sintetici.

 

Affinché il trapianto sia definitivo è importante comportarsi in modo corretto nel periodo che segue l’intervento, seguendo alla lettera le indicazioni del medico.

 

Un altro pro riguarda l’effetto naturale dei capelli trapiantati la sua crescita nella giusta direzione. Proprio per questo è bene che l’apertura dei canali venga eseguita da un medico che valuterà la densità, la direzione e l’angolatura dei capelli.

 

Pur essendo un intervento chirurgico, il trapianto di capelli non è invasivo. Viene infatti eseguito in anestesia locale e senza usare il bisturi. Le uniche prescrizioni per la fase post operatoria sono antidolorifici ed antibiotici per evitare dolore ed infezione.

 

Infine, i capelli trapiantati hanno lo stesso comportamento del resto dei capelli. Ciò significa che possono essere tagliati, tinti ed acconciati in base alle preferenze di ognuno, avendo l’accortezza di non fare questo nei primi mesi dopo il trapianto.

 

I contro del trapianto di capelli

Come già accennato in fase introduttiva, il trapianto di capelli non ferma l’alopecia androgenetica poiché si tratta di una patologia ereditaria. 

Nel caso si desideri comunque fare un trapianto di capelli, sarà necessario valutare insieme al medico il momento giusto per farlo, vale a dire quando l’alopecia è in remissione e mai prima di raggiungere il III stadio della scala Norwood.

 

Il trapianto di capelli è sconsigliato in caso di diradamenti diffusi, perché non sarebbe possibile trovare una safe donor da cui prelevare i capelli. Lo stesso discorso vale per l’alopecia areata, che è una forma di caduta di capelli autoimmune.

 

Per eseguire il trapianto di capelli, le unità follicolari vengono tenute al di fuori del corpo per diverso tempo. Questo non rovina il bulbo, ma indebolisce il capello che cadrà dopo circa 4 settimane per far posto ad un capello nuovo e più forte.

 

Come scegliere la clinica per il trapianto di capelli

La scelta della clinica è una decisione importante da prendere prima di sottoporsi alla procedura. Non può essere scelta semplicemente basandosi sul prezzo più basso o su promesse di risultati impressionanti.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close