EditorialiEsteri

Il “modello Marocco” nella prospettiva pan africana

User Rating: 4.53 ( 2 votes)

La recente giornata dedicata all’Africa , ci permette come spesso faccio di puntare il nostro obbiettivo sul Marocco, questa volta in chiave panafricana. Il Regno del Marocco, ha sempre avuto , nel corso della sua storia millenaria un ruolo strategico nel contente africano. Per ragioni storiche le dinastie che si sono succeduto hanno avuto la loro origine nelle provincie meridionali quelle più a contatto con il centro Africa. Anche gli ultimi sovrani hanno fatto del ruolo . Nella diplomazia marocchina l’Africa, in particolare quella sub sahariana ha sempre giocato un ruolo centrale e fondamentale. S. M Mohammed V, ha sempre sostenuto con coraggio e determinazione l’emancipazione delle nazioni africane. Negli anni seguenti il Marocco , oltre ad essere membro fondatore dell’Organizzazione dell’unità africana , ha svolto numerose azioni di ristabilimento della legalità nel continente sotto il mandato delle nazioni unite  dando prova di essere un attore affidabile . In questo contesto la politica di Sua Maestà Mohammed Vi non solo si inserisce in questo contesto di tradizione ma anzi è stata sviluppata ed ampliata. L’Africa, la sua unità e il suo ruolo nello scacchiere geopolitico . Tutti gli analisti concordano che l’Africa è il continente del futuro , per questo il Marocco con la sua storica stabilità può diventare la nazione guida del processo di integrazione pan africana. Sua Maestà Mohammed Vi ha svolto una serie di viaggi e con essi stretto relazioni economiche con una serie numerosa di stati africani , la recente pandemia dovuta al Covid 19 ha permesso di dimostrare come le buone relazioni tessute da Sua Maestà hanno permesso di creare un fronte comune davanti al dilagare della malattia . La condivisione delle informazioni, il rilancio di una produzione industriale marocchina hanno gettato le basi per la creazione di un “modello marocchino” valido anche per l’intero continente africano che può essere non solo indipendente dagli approviggionamenti terzi ma essere competitivo sul piano internazionale. Le infrastrutture del Marocco sono al servizio e proiettate in una logica pan afircana. Allo stesso tempo il “modello marocco” è valido anche sul piano religioso. La scuola per predicatori e predicatrici voluta da Sua Maestà Mohammed Vi accoglie ogni anno studenti di ogni parte formandoli alla promozione del messaggio universale di pace dell’islam accanto a questa istituzione islamica il Marocco ospita anche l’Istituto Al Mowafaqa , creato in ambito cristiano che promuove il dialogo islamo cristiano non solo per il Marocco ma per Nazioni come Senegal, Mali ecc ecc . Il Marocco , modello per un “Africa plurale” dove le diverse componenti etnico – culturali trovano lo spazio . La costituzione voluta da Sua Maestà riconosce le diverse componenti storiche del Marocco e anche in questo caso possiamo affermare che è un modello per quelle nazioni segante dalle lotte interne che si possono salvare riconoscendo le specificità di ogni componente etnica. il “modello Marocco” è un modello per l’Africa e candida questo Paese ad essere il naturale capofila della riscossa africana che attaraverso la cooperazione può giungere a compiere il suo sogno di unità 

Marco Baratto
Incontri Culturali Franco Italiani

Marco Baratto

Nato a Milano , Laureato in Legge. Si interessa di storia dei rapporti tra l'Europa e il Mediterraneo. Ha Fondato il Gruppo Informale "Incontri Culturali Franco Italiani" per la valorizzazione dei rapporti tra i Paesi della Francofonia

Related Articles

Back to top button
Close