Comunicati Stampa

Corsi sulla sicurezza fatti con cadenza periodica

Organizzati dall’Aou già da novembre 2019 per i lavoratori e previsti dal decreto legislativo 81/2008. Precisazioni ad articolo di stampa

SASSARI 5 giugno 2020 – Un corso sulla sicurezza, sui concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale che coinvolgerà tutti i dipendenti dell’Aou di Sassari e rientra negli obblighi in capo dal datore di lavoro, così come prevede l’articolo 37 del decreto legislativo 81/2008. Si tratta del corso periodico che l’Azienda di viale San Pietro organizza e che, vista l’ampiezza del pubblico da formare, circa 2300 operatori, e le modalità – in videconferenza per le disposizioni ministeriali sul distanziamento – sarà realizzato da una ditta esterna con sessioni formative di 12 ore suddivise in 2 giornate.

Sono alcune precisazioni che vengono fornite dall’Aou di Sassari a seguito dell’articolo apparso ieri sulla stampa locale.

Non si tratta di un corso organizzato a seguito di sanzioni comminate dallo Spresal ma, come si evince dalla determina dirigenziale numero 413 del 29 aprile scorso, di un programma formativo le cui procedure per l’attivazione sono partite già dal 19 novembre 2019. Un ciclo di lezioni che ricade tra gli obblighi a cui deve ottemperare una qualsiasi azienda, sia pubblica sia privata. Corsi che vengono organizzati dall’Aou con cadenza periodica e che nel 2018 hanno visto la partecipazione di 1185 operatori e nel 2019 di 2147. Quest’anno in formazione, tra nuovi operatori e aggiornamenti, saranno oltre 2000.

L’ufficio Formazione e sicurezza sul lavoro è il settore delegato dal direttore generale (datore di lavoro) per la formazione specifica nel settore. Questo ufficio, sulla base dei bisogni formativi indicati dal responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, si occupa di organizzare i corsi e individuare i formatori, anche esterni.

E così ha fatto con la determinazione di fine aprile. Una prassi già adottata anche negli anni precedenti: nel 2014, a esempio, per i moduli di formazione generale da 4 ore, nel 2015-2016 per i moduli da 8 ore sui gas medicali, nel 2018 con i moduli da 8 ore per la prevenzione del rischio chimico e biologico e l’utilizzo dei dispositivi di protezione collettiva. Quest’anno, invece, il formatore esterno si occuperà di tutti e due i tipi di moduli.

Diverso, invece, il ruolo della struttura semplice dipartimentale Formazione, Ricerca e Sperimentazione Clinica che ha, quale mission primaria, quella di organizzare sistematicamente l’attività formativa collettiva e individuale del personale operante nell’Aou, quindi l’aggiornamento continuo del personale (Ecm), oltre che coordinare l’attività di ricerca aziendale di tipo osservazionale e sperimentale. Una attività quella svolta dalla struttura che ha portato, per la sola attività della Formazione, alla progettazione e realizzazione nel biennio di 86 corsi, per un totale di 1.600 soggetti formati nel 2018, 1.759 nel 2019 e 12.870 crediti erogati, oltre ovviamente ad aver gestito tutta l’attività della formazione individuale fuori sede.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close