Italia

Sardegna: Metanizzazione subito

Energia, appello della Uiltec Sardegna alle istituzioni: si rimetta subito in agenda la metanizzazione dell’isola per tutelare le due centrali elettriche sarde in vista del phase out dal carbone

Loi (Segretario regionale): “La politica intervenga per scongiurare l’ennesimo scippo ai danni della nostra regione”

Il “Tyrrhenian Link”, cavo di collegamento elettrico fra Sicilia e Sardegna che Terna ha in programma di realizzare entro il 2025, potrebbe determinare la fermata definitiva delle due centrali elettriche a discapito di circa mille lavoratori

“La politica regionale intervenga decisamente affinché non si verifichi l’ennesimo scippo ai danni della Sardegna”. Lo chiede con forza la UILTEC SARDEGNA a proposito del “Tyrrhenian Link”, il cavo di collegamento elettrico fra Sicilia e Sardegna che Terna realizzerà entro il 2025 e che potrebbe penalizzare i circa mille lavoratori che gravitano nel comparto energia in Sardegna. Il sindacato guidato da Pierluigi Loi denuncia il silenzio delle istituzioni isolani sui temi dello sviluppo energetico a pochi anni dal phase out dal carbone, previsto nel 2025, che rischia di rappresentare una mannaia per l’economia sarda e soprattutto per il settore industriale dell’isola.

Lo sviluppo energetico è un tema strategico e vitale per la nostra isola – scrive il segretario generale della Uiltec Sardegna Pierluigi Loi -. Un argomento delicato che fino a cinque mesi fa trovava spazio e priorità nell’agenda della politica regionale e nazionale. Da essa, infatti, dipende il destino dell’arrivo del metano in Sardegna, la conseguente realizzazione della dorsale ed il futuro delle due centrali elettriche sarde in relazione all’imminente phase out dal carbone del Paese, prevista anch’essa nel 2025.

Inspiegabilmente e ingiustificatamente – evidenzia il segretario regionale Uiltec Sardegna -su tali temi è calato il più totale silenzio, a tal punto che lascia sgomenti il fatto che non si prenda più in considerazione il fattore tempo, che impone nel 2025 una verosimile ghigliottina per l’economia del nostro territorio e nello specifico per l’intero settore industriale isolano. L’ultimo segnale governativo palesato nell’incontro al Mise a fine gennaio, tramite la sottosegretaria Todde, tendeva ad una visione attendista e confusionaria, la quale escludeva l’arrivo del nuovo combustibile nella nostra Regione.

L’ 8 aprile, come se non bastasse, Terna ha confermato il suo nuovo Piano di sviluppo 2020 da oltre 14 miliardi, dichiarando prossima la realizzazione del “Tyrrhenian Link”, il cavo di collegamento elettrico fra Sicilia e Sardegna.

Apparentemente parrebbe un importante investimento realizzato da un player strategico nazionale, ma per capire al meglio le ripercussioni che tale opera avrebbe sulla nostra regione sarebbe opportuno porsi alcune semplici domande:

·        A chi giova tale infrastruttura?

·        Che ripercussioni avrà sullo sviluppo complessivo della nostra isola?

·        Con quale energia verranno alimentati i poli industriali sardi?

·        Quanto costa e, soprattutto, chi pagherà l’infrastruttura se non le bollette dei cittadini?

Il “Tyrrhenian Link” costerà 3,7 miliardi di euro, entrerà in esercizio entro il 2025 e collegherà elettricamente la Sicilia con la Sardegna.

Ma vi è un punto sul quale focalizzare l’attenzione – evidenzia Loi -. Le due isole partono da una condizione energetica diversa e distante: mentre in Sardegna le due centrali di proprietà Ep ed Enel sono alimentate a carbone (si è in attesa che la classe politica prenda una posizione chiara, univoca e celere sul post-decarbonizzazione con l’inquietante incognita dell’assenza del metano), la Sicilia si sta apprestando a riconvertire le sue centrali attraverso l’uso del metano.

Se a questa semplice constatazione si somma l’insediamento del prossimo cavo Terna, si può prendere atto che la Sardegna possa ricoprire fra qualche anno, in campo energetico, il ruolo di regolatore della produzione energetica altrui, con il rischio reale di una fermata definitiva delle due centrali sarde.

Tutto questo a discapito dei quasi 1000 lavoratori diretti e indiretti, delle aziende che come Ep hanno già messo in campo idee progettuali concrete per una riconversione a biomasse e di un intero territorio che sarebbe totalmente dipendente da terzi dal punto di vista energetico. Se poi si considera il fatto che il cavo terna costerebbe quasi il doppio rispetto alla dorsale, e che il costo del progetto avrebbe importanti ricadute sulle bollette degli utenti, a chi gioverebbe l’infrastruttura Terna? Non certo alla Sardegna e ai sardi che da questo progetto avrebbero solo da perdere.

Per questo motivo, come UILTEC SARDEGNA, chiediamo con forza e determinazione che la politica regionale intervenga decisamente affinché non si verifichi l’ennesimo scippo ai danni della nostra Regione.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close