Scienze e Tecnologia

World Oceans Day 2020 > MSC Pesca Sostenibile lancia la campagna social “Grande Futuro Blu”

Piccolo marchio blu, grande futuro blu”, è questo il claim che accompagna la campagna “Grande Futuro Blu” promossa da MSC Pesca Sostenibile in occasione del World Ocean Day dell’8 giugno 2020, invitando tutti a condividere sui social un collage fotografico che affianchi il proprio mare del cuore con la ricetta di pesce preferita.

Una recente ricerca condotta da MSC in collaborazione con Globescan ed effettuata in 23 paesi a livello globale, con un focus sull’Italia, dimostra proprio che i consumatori sono sempre più disponibili a compiere azioni concrete e portare a tavola prodotti ittici da pesca sostenibile.  

Un Grande Futuro Blu

MSC Marine Stewardship Council, organizzazione internazionale non profit responsabile del più importante programma globale di certificazione di sostenibilità ittica, anche quest’anno aderisce alla Giornata Mondiale degli Oceani dell’8 giugno 2020 e lo fa con la campagna social “Grande Futuro Blu” per ricordare a tutti il forte legame tra la nostra vita quotidiana e il grande blu, che possiamo proteggere scegliendo pesce provenienti da una fonte sostenibile. Come farlo? Acquistando quei prodotti che presentano il marchio blu di MSC sulla confezione, garanzia di una pesca gestita secondo rigorosi standard scientifici di sostenibilità.

Gli oceani hanno bisogno dell’impegno di tutti noi per tornare in salute” afferma Francesca Oppia, Direttrice programma MSC in Italia. “Mentre pesca eccessiva, cambiamenti climatici e inquinamento esercitano una pressione sempre maggiore sui nostri oceani, le scelte che noi consumatori facciamo quotidianamente possono cambiare l’intera filiera dei prodotti ittici”.

Gli italiani dimostrano sensibilità verso la salute degli oceani, come rileva una ricerca condotta da MSC in collaborazione con Globescan: 6 consumatori su 10 hanno modificato le proprie abitudini di acquisto di prodotti ittici orientandosi verso opzioni più sostenibili, superando in Italia di sei punti percentuali la media globale (64% in Italia contro il 58% globale).

In un momento in cui l’industria ittica, e non solo, si trova ad affrontare sfide senza precedenti a causa della pandemia di coronavirus, tutti con piccoli e semplici gesti possiamo sostenere i pescatori impegnati in pratiche sostenibili, e allo stesso tempo aiutare a proteggere gli ecosistemi marini e le risorse ittiche per le generazioni future.

La campagna “Grande futuro blu” di MSC Pesca Sostenibile vuole far leva proprio su questi concetti e invita tutti a condividere sui social un collage fotografico che affianchi la foto di uno scampolo di mare “del proprio cuore” con uno scatto di una ricetta di pesce realizzata a casa, usando l’hashtag #grandefuturoblu e taggando MSC Italia su Instagram @msc_italia e su Facebook @mscinitalia.

Focus: la ricerca condotta con GlobeScan

MSC in collaborazione con Globescan ha recentemente effettuato una ricerca in 23 paesi a livello globale, con un focus sull’Italia e i progressi che sono emersi sono importanti.

Tra le azioni messe in atto, una persona su quattro ha optato a favore di brand che offrono prodotti sostenibili e una persona su sei ha cambiato luogo di acquisto, mentre il 21% ha consapevolmente rinunciato alle proprie specie preferite a favore di specie sostenibili.

Infatti il 74% dei consumatori italiani è pienamente consapevole che per contribuire alla salute degli oceani sia necessario scegliere prodotti da pesca sostenibile.

Il consumo di prodotti ittici non è solo legato a una questione di mero nutrimento, ma è parte integrante della cultura alimentare del nostro paese, e in tale ottica deve essere letta la preoccupazione di 1 italiano su 3 di veder sparire nei prossimi 20 anni le proprie specie preferite.

Ma il dato più incoraggiante riguarda il futuro: l’85% degli italiani è pronto a scendere in campo per proteggere la salute degli oceani e sempre più italiani dichiarano che sceglieranno brand e punti vendita che offrono prodotti sostenibili, ribadendo di essere pronti a modificare le proprie abitudini cambiando le specie consumate se questo dovesse essere necessario.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close