Salute

Affaticamento oculare e lavoro: prevenzione e accorgimenti per prendersi cura dei propri occhi

Non ci si pensa quasi mai, anzi, si tende spesso a trascurarli, ma anche gli occhi sono sotto pressione durante il giorno, specialmente se si lavora sotto una forte luce diretta. Bisogna quindi proteggere i propri occhi adottando degli accorgimenti per prevenire eventuali patologie oculari.

Iniziamo dicendo che per la loro salvaguardia è preferibile adottare uno stile di vita sano, ma quando si usano intensamente per tutto il giorno? Quali accorgimenti occorre adottare e quali situazioni invece bisogna evitare?

Luce diretta o errata mentre si
lavora: i rischi per la vista

Lavorare per tante ore al giorno sotto una luce diretta può essere rischioso per la vista, per una questione di esposizione prolungata alle radiazioni infrarosse e ultraviolette. Come spiega il prof. Claudio Azzolini del Dipartimento di Medicina e Chirurgia Ordinario di Malattie dell’Apparato Visivo dell’Università degli Studi dell’Insubria, “i tessuti oculari hanno le loro difese e riescono a filtrare e a trattenere le radiazioni nocive prima che raggiungano la macula, la parte più importante della retina. Queste difese vengono meno con l’età e in condizioni particolari, come negli operati di cataratta, o in condizioni critiche quali quelle che si verificano in alta montagna sui ghiacciai o a seguito di prolungate esposizioni alla luce intensa”. Oltre al rischio di subire danni, chi è caratterizzato da pelle e occhi chiari sopporta ancora meno un’elavata esposizione alla luce, poiché il minor quantitativo di melanina aumenta la sensibilità.

Come si può limitare l’affaticamento dell’occhio durante le ore di lavoro?

In alcuni casi è sufficiente utilizzare occhiali protettivi, come le lenti arancio che forniscono una protezione efficace i raggi UV. Inoltre, quando si lavora, è buona pratica sistemare le fonti luminose in alto o lateralmente rispetto all’area da vedere o allo schermo del computer e mai di fronte. L’affaticamento dell’occhio è spesso legato all’utilizzo di luci artificiali troppo forti. In questo caso, si consiglia di filtrare la luce al neon con pannelli assorbenti che rendano la luce più naturale. Naturalmente, esistono dei mestieri, ad esempio quello del dentista, in cui l’esposizione a forti luci dirette è talmente elevata da essere disciplinata dalla norma europea EN 12464-1 sull’Illuminazione dei Luoghi di Lavoro.

Il collirio o le lacrime artificiali aiutano in caso di esposizione
prolungata a luci inadeguate?

Oltre a controllare l’illuminazione e il proprio stile di vita, occorre evitare di lavorare in zone troppo umide o troppo secche. Con umidità oltre il 60% a 20 °C si rischia di lavorare in un ambiente malsano, con il potenziale rischio di respirare le muffe, mentre, al contrario, un ambiente eccessivamente secco può portare a bruciori e arrossamenti dell’occhio. In questo caso, per donare nuovo confort agli occhi, è altamente consigliabile l’impiego di colliri e lacrime artificiali rinfrescanti. Inoltre, si può tentare di rendere l’ambiente più umido in assenza di un’adeguata umidità e cambiare spesso l’aria per evitare l’esposizione prolungata a eventuali particelle inquinanti. Vediamo invece gli accorgimenti in termini di stile di vita.

Lo stile di vita

Per preservare la propria salute oculare, bisognerebbe seguire un regime salutare, come per tutto il resto. In generale, per poter vivere a lungo occorre individuare uno stile di vita sano che funzioni e questo vale anche per gli occhi e la vista. Frutta e verdura sono gli alletati più preziosi, evitando invece l’alcol, il fumo, le droghe e la sedentarietà. Nel caso fosse necessario integrare agenti antiossidanti, si consiglia l’assunzione di integratori nella propria dieta.

Il collirio o le lacrime artificiali aiutano realmente?

Quando gli occhi sono affaticati da un’esposizione eccessiva alla luce, si tende a strizzarli in modo frequente, sia volontariamente sia involontariamente. Le lacrime artificiali donano una sensazione di freschezza, mantenendo l’idratazione dell’occhio. Quindi sì, in ufficio o a lavoro in generale, tenere il collirio a portata di mano può aiutare a rinfrescare gli occhi donando una sensazione di benessere immediata.

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close