Società

MARINA DI ALASSIO SEA EXPERIENCE: L’ASSESSORE MAI TESTIMONIAL PROGETTO PRODOTTI KM ZERO IN BARCA

Alassio (SV). Il progetto MARINA DI ALASSIO SEA EXPERIENCE costruisce nuove alleanze sul territorio e coinvolge i produttori di CAMPAGNA AMICA per realizzare un nuovo servizio per i diportisti del Porto Luca Ferrari. Il progetto Verde-Azzurro punta a capitalizzare le eccellenze della Piana Albenganese a favore della filosofia “slow food” nell’ambito del progetto della Camera di Commercio Italiana a Nizza “10 Comuni, sottoscritto dall’assessore Fabio Macheda a Pollenzo (CN), incentrato sulla promozione di contenuti turistici in lingua francese: dove alloggiare, dove mangiare e quali attività svolgere seguendo alcuni itinerari esperienziali. Il progetto “PRODOTTI A KM ZERO IN BARCA” è stato realizzato grazie alla collaborazione delle aziende di Coldiretti Savona guidate da Marcello Grenna e dagli Agrichef di Campagna Amica Liguria. Secondo studi di settore circa il 60% dei turisti italiani reputa fondamentale, per la propria scelta della meta turistica, la possibilità di vivere esperienze enogastronomiche, di qui l’opportunità di sperimentare la cucina e i prodotti “made in Liguria” direttamente dal campo allo yacht e magari cucinati da un Agrichef di Campagna Amica. Come sottolinea l’assessore regionale Stefano Mai: “L’auspicio è questa iniziativa possa essere replicata anche in altre marine della nostra regione; oggi è più che mai importante che i nostri ospiti abbiano la possibilità di degustare le nostre eccellenze agroalimentari. Attraverso questo servizio potranno apprezzare oltre alle bellezze anche i sapori e i saperi del nostro territorio. La valorizzazione dei nostri prodotti tipici passa inevitabilmente dalla sinergia fra costa ed entroterra e tra imprenditori turistici e agricoli”. “MARINA DI ALASSIO SEA EXPERIENCE”, voluto dall’assessore comunale alla società partecipate Fabio Macheda, è coordinato dal presidente del porto Luca Ferrari Rinaldo Agostini con la stagista Jasmine Capponi e la consulenza del docente di marketing Franco Laureri.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close